Se nonostante tutto si vuole cambiare l’Italia: l’agenda-partecipanda per il paese

Piccole chiose in merito ai precedenti post. I motivi per cui in Italia si fatica a cambiare sono forse più chiari del metodo con il quale si può comunque contribuire al cambiamento. Ma qualche considerazione è possibile:

1. Nemmeno i politici con un’agenda possono sapere tutto. Molti cittadini sono più esperti di loro in alcuni settori. Quei politici che puntano sull’agenda e sul metodo dovrebbero organizzare l’ascolto dei movimenti e dei cittadini che articolano punti di vista, suggerimenti, istanze, sulla base di competenze specifiche. Poi dovrebbero aggregare quelle proposte e articolare delle sintesi compatibili con il quadro generale. Da qui migliorare l’agenda e renderla un’opera aperta.
2. Lo scopo di questo processo è certamente quello di sviluppare l’agenda attraverso la partecipazione. Ma anche di far vedere che è possibile contribuire all’innovazione. Il che può spostare l’asse delle alleanze che di fatto si sviluppano tra le varie parti della società. Dovrebbe contribuire a fare apparire più conveniente partecipare all’innovazione che convivere con la conservazione.
3. La fretta rende tutto questo difficile, ovviamente. Ma quello che conta è l’impostazione. L’urgenza e la strategia si uniscono nell’idea di lavorare in base a una roadmap.

Tutto questo richiede un lavoro di affinamento, approfondimento e maturazione dell’uso dei media digitali. Che non sono un nuovo sistema per la promozione di liste in chiave meramente elettorale. Ma un ambiente di lavoro e condivisione. Imho.

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?