Se nonostante tutto si vuole cambiare l’Italia: l’agenda-partecipanda per il paese

Piccole chiose in merito ai precedenti post. I motivi per cui in Italia si fatica a cambiare sono forse più chiari del metodo con il quale si può comunque contribuire al cambiamento. Ma qualche considerazione è possibile:

1. Nemmeno i politici con un’agenda possono sapere tutto. Molti cittadini sono più esperti di loro in alcuni settori. Quei politici che puntano sull’agenda e sul metodo dovrebbero organizzare l’ascolto dei movimenti e dei cittadini che articolano punti di vista, suggerimenti, istanze, sulla base di competenze specifiche. Poi dovrebbero aggregare quelle proposte e articolare delle sintesi compatibili con il quadro generale. Da qui migliorare l’agenda e renderla un’opera aperta.
2. Lo scopo di questo processo è certamente quello di sviluppare l’agenda attraverso la partecipazione. Ma anche di far vedere che è possibile contribuire all’innovazione. Il che può spostare l’asse delle alleanze che di fatto si sviluppano tra le varie parti della società. Dovrebbe contribuire a fare apparire più conveniente partecipare all’innovazione che convivere con la conservazione.
3. La fretta rende tutto questo difficile, ovviamente. Ma quello che conta è l’impostazione. L’urgenza e la strategia si uniscono nell’idea di lavorare in base a una roadmap.

Tutto questo richiede un lavoro di affinamento, approfondimento e maturazione dell’uso dei media digitali. Che non sono un nuovo sistema per la promozione di liste in chiave meramente elettorale. Ma un ambiente di lavoro e condivisione. Imho.

Articoli Correlati

  • 15/02/2015 Orgoglio docente «No school can be better than those who work in it» dice l'Economist. Scuole con insegnanti che non ci credono più, società che non valorizzano e rispettano gli educatori, sistemi pubblici che hann...
  • 16/09/2010 Impresa e motivazioni Un post di ieri, dedicato al workshop di oggi a Riva del Garda sull'impresa sociale, alludeva al rapporto tra risorse materiali e generazione di senso in un'impresa. Se ne può parlare con una ...
  • 10/03/2013 Sondaggio. Gli elettori del centrosinistra sono più favorevoli all’euro degli elettori di Monti Secondo l'Osservatorio di Renato Mannheimer pubblicato sul Corriere di oggi gli italiani sono largamente favorevoli alla permanenza dell'Italia nell'euro. Compresi gli elettori del M5S (73%) e gli ...
  • 13/05/2012 Quintarelli all’Agcom Su Twitter #quinta4president e' trending topic. È un po' difficile per chi lavora al Sole pensare a Stefano Quintarelli che parte per un nuovo incarico all'Agcom. Ma sarebbe una notizia talmente bu...
  • 02/04/2014 I nemici della rete hanno imparato dalla guerriglia: usano a loro favore la complessità facendo confusione Una volta la disinformazione si faceva mettendo in giro notizie false. Oggi si fa mettendo in giro proposte di legge e varie pseudodecisioni che, per quanto poco sostenibili o realizzabili o iperco...
  • 03/10/2013 Niente cambia perché tutto cambi La politica politicante ha impedito a una giornata storica di esserlo fino in fondo. E il sistema di ricatti personalistici che ha bloccato il paese per molto tempo non è scomparso. Il voto di ieri...

2 Commenti su “Se nonostante tutto si vuole cambiare l’Italia: l’agenda-partecipanda per il paese

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>