Agcom, Quintarelli, New York Times

La richiesta generale di trasparenza nelle nomine all’Agcom e la consapevolezza della loro importanza si sono fatte strada in questo strano 2012, dal marzo scorso in avanti. E il pezzo di ieri del New York Times dimostra che si tratta di una questione di interesse generale.

Perché riguarda la stabilità della democrazia, perché si è scoperto che i media hanno l’enorme potere di sostenerla o di indebolirla.

Non è certo bello essere un paese rilevante solo per i rischi che fa correre agli altri paesi dell’Occidente. Ma almeno da questo punto di vista possiamo finalmente sentire le responsabilità globali che ci portiamo addosso. Continuare a svolgere il ruolo del laboratorio della distruzione delle garanzie costituzionali attraverso la distruzione del discorso comune che abbiamo realizzato con i media negli ultimi trent’anni, oppure cominciare l’opera paziente e onerosa della ricostruzione.

Trackbacks

One Trackback

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?