Mifaccioimpresa

Gli aspiranti imprenditori sono in ribasso in Italia, dice la ricerca Gem di EntEr. Ed è un problema. Perché la nuova imprenditorialità è la principale modalità con la quale un’economia trasforma i vincoli in opportunità, le idee in denaro, i sogni in realtà… E la nuova imprenditoria è il principale strumento per fare nuova occupazione.

Non è un caso che ci sia questo ribasso. Balzano agli occhi, per esempio, le difficoltà di accesso al credito e, anzi, la trasformazione delle piccole imprese in aziende di credito che avviene con il pessimo meccanismo del ritardo nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione e, spesso, delle grandi imprese. Questo è uno dei peggiori difetti del sistema italiano. E qualunque politica per l’imprenditorialità dovrebbe essere annunciata insieme alla decisione da parte dell’amministrazione pubblica di accorciare i termini dei pagaementi, almeno alle piccole imprese.

Senza contare che, sempre più spesso, le fatture non vengono pagate per niente, purtroppo. La magistratura è troppo lenta, in questo caso, per aiutare i creditori.

In questo modo, aziende che hanno un fatturato superiore ai costi, ma che pagano i costi più velocemente di quanto non vengano pagate dai clienti, si trovano in una morsa infernale inaccettabile.

Tra poco, a Mifaccioimpresa una tavola rotonda sull’imprenditorialità e l’uscita dalla crisi…

  • 05/11/2009 Stefano Pileri A quanto dicono all'Asati (l'associazione dei piccoli azionisti della Telecom Italia), Stefano Pileri starebbe rassegnando le dimissioni. Uno dei manager di più lunga durata della storia della comp...
  • 29/03/2012 Scienza e media. Il caso degli esperimenti sugli animali La storia è ipercontroversa. L'uso degli animali per gli esperimenti scientifici è considerato necessario per sperimentare cure che possono salvare vite umane. Ma d'altra parte la sensibilità verso...
  • 28/10/2009 Specializzazioni ad assetto variabile Chissà perché, in certi giorni, si discute dello stesso argomento con diverse persone senza che apparentemente ci sia un collegamento. Oggi è stata la volta di specializzazione e interdisciplinarie...
  • 08/04/2017 Sum#01 a Ivrea. Difficili equilibri Le idee non sono posizioni. Le informazioni non sono armi. L'immaginazione che serve agli scienziati, agli imprenditori e persino ai politici per costruire il futuro consapevolmente è la stessa, ne...
  • 11/04/2016 Perché è sbagliata la campagna per l’astensione sulle trivelle C'è un referendum. Gli elettori sono chiamati da dare un parere, con un "sì" o con un "no". La risposta con più voti, vince. La democrazia ha funzionato. Andremo a votare per il referendum sulle r...
  • 06/12/2011 Le molte Italie e l’informazione: giovani e anziani, istruiti e analfabeti, ricchi e poveri Un cambio di passo politico, in Italia, è apparso ineluttabile grazie alla massiccia dose di fatti che ha colpito l'economia italiana nell'ultimo anno: un flusso di fatti tanto enorme che la diga p...

4 Commenti su “Mifaccioimpresa

  1. Salve, questo e’ un ottimo argomento e spero che presto lo analizzerete per il meglio cercando di dare anche delle soluzioni. Penso che la mentalita’ italiana sia in grado di fare impresa in modo eccellente, cio’ che mancano sono le risorse, come avete messo in evidenza giustamente. Ho vissuto all’estero e girato un po’ il mondo e posso dire che gli italiani all’estero sono degli imprenditori fuori classe. L’ultimo mito e’ l’italiano creatore di “Bing”, che oggi risiede a San Francisco. Perche’ non in Italia?

  2. E’ molto difficile fare impresa in Italia. Siamo al 168° posto (vado a memoria) al mondo per libertà economica secondo “doing business” (e ci sono circa 200 stati al mondo). E parlo anche per esperienza personale essendo impegnata in una start-up.
    C’è oggi più che mai la difficoltà di accesso al credito. Ma vogliamo parlare dei vincoli e costi quando di assume un dipendente? e dei costi legati alla tenuta di contabilità? e la PA sempre troppo inefficente? e della mancanza di infrastrutture? e della assenza di una magistratura rapida ed efficiente?
    Operiamo in un mercato distorto, lavoriamo moltissimo per competere in un mercato globale con tante palle al piede.

  3. E’ molto difficile fare impresa in Italia. Siamo al 168° posto (vado a memoria) al mondo per libertà economica secondo “doing business” (e ci sono circa 200 stati al mondo). E parlo anche per esperienza personale essendo impegnata in una start-up.
    C’è oggi più che mai la difficoltà di accesso al credito. Ma vogliamo parlare dei vincoli e costi quando di assume un dipendente? e dei costi legati alla tenuta di contabilità? e la PA sempre troppo inefficente? e della mancanza di infrastrutture? e della assenza di una magistratura rapida ed efficiente?
    Operiamo in un mercato distorto, lavoriamo moltissimo per competere in un mercato globale con tante palle al piede.

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *