Un dato per gli editori online

Spesso ci si trova a discutere con editori che pensano di organizzare i loro siti in modo che tutti i link in essi contenuti conducano ad altre pagine degli stessi siti e non “portino traffico fuori”… E’ una questione talmente vecchia che sembra impossibile. Eppure è ancora discussa.

C’è un dato nuovo che mi pare particolarmente interessante per questi editori. Un dato che arriva proprio nel momento in cui si tenta da molte parti di aumentare il contenuto in video dei siti editoriali.

La TubeMogul ha cercato di comprendere da dove arrivi il traffico sui video pubblicati online. E il risultato è che l’80% dei video è visto perché è stato linkato da un blog. L’80%! Costringere i navigatori a restare all’interno dei siti editoriali non conta certo quanto riuscire a pubblicare video che vengano segnalati da parte del pubblico attivo. Nessun blog è nelle prime posizioni della classifica dei siti dai quali arriva il traffico, ma – se i dati registrati da TubeMogul sono corretti – la coda lunga dei blog è davvero molto lunga.

In generale, ne emerge una buona indicazione pratica: i siti editoriali dovrebbero coltivare le segnalazioni dai blog anche rispettando gli stessi blog e restituendo loro traffico (cioè linkandoli direttamente).

  • 01/03/2010 Romani: vagamente ambiguo Il decreto Romani è passato al Consiglio dei ministri. Non contiene molte delle norme iper restrittive che sembra caratterizzassero le prime bozze. Non riguarda i blog e le attività degli utenti ch...
  • 15/10/2010 Video e information divide Chris Anderson di Ted dice che il video online sta ridefinendo la trasmissione orale delle conoscenze. Questo appare potenzialmente molto importante in un paese come l'Italia, dove solo il pas...
  • 15/02/2010 YouTube’s secret E' stata una vera innovazione, YouTube. Il suo segreto più straordinario è stata l'idea di consentire le citazioni profonde dei video sui blog e i siti che "embeddavano" facilmente il codice. Una p...
  • 11/05/2009 Link: giornali a pagamento Il Sole ha pubblicato diversi articoli sull'eventualità di pubblicare giornali online a pagamento. A parte un mio pezzo, c'è quello di Paolo Madron sugli editori italiani, e quello di Marco Magrini...
  • 15/09/2016 Eurocopyright: può essere una vittoria della lobby editoriale ma non la salverà La proposta direttiva sul copyright è controversa (Sole). Le sue componenti qualificanti a quanto pare sono: 1. gli editori hanno nuovi diritti da vendere, per esempio il diritto agli snippets (qu...
  • 04/03/2013 Le Monde sul presunto declino dei blog. Ma il fenomeno è un altro Olivier Zilbertin, su Le Monde, parla degli studi che si occupano del presunto declino dei blog. Si dovrebbe parlare piuttosto di uno spostamento di significato dei blog. Ma vediamo di che si tratt...

1 Commento su “Un dato per gli editori online

  1. Confermo in parte.
    Videomarta ci dava dati abbastanza diversi.
    Bisogna però considerare che Videomarta aveva una forte comunità su Youtube, quindi molti video erano visti senza passare dal blog (o dagli altri blog che li embeddavano).
    Ma penso che quello di Marta fosse un fenomeno a parte dovuto alla produzione seriale.

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *