Complessità: costruzione e racconto

A State of the net si trova uno spazio di discussione vera e cosmopolita che gratifica e impegna i partecipanti. Quest’anno lo spunto è la complessità. Tema giustissimo, perché la rete è comprensibile e ricca come sistema complesso mentre sarebbe incomprensibile e povera se vista come sistema lineare.

I costruttori della rete e gli studiosi della complessità – matematici, fisici e altri – hanno creato un nuovo modo di vedere la realtà, hanno arricchito la realtà di collegamenti tra i suoi elementi, hanno attivato un’infrastruttura che accelera l’innovazione. E internet, lungi dall’essere una realtà virtuale, tende a immergersi nel paesaggio per aggiungere una nuova dimensione all’ambiente. Sicché suggerisce anche un frame narrativo per raccontarne l’evoluzione e la dinamica a chi non è matematico o tecnologo, ma coltiva la consapevolezza necessaria per non essere un fruitore passivo e partecipare all’innovazione. E questo frame è quello che gli occidentali hanno imparato a conoscere nel corso della storia che ha portato la sensibilità ecologica da una cultura di minoranza a una coscienza maggioritaria. Questa metafora è operativa come quella di un’interfaccia e genera senso come una narrazione.

Alla fine dice che il gesto del singolo ha importanza per l’insieme e che la qualità dell’insieme è un valore per ciascun individuo. Un approccio culturale che nell’ecologia ormai comprendiamo e che la storia di internet può diffondere alle dimensioni sociali ed economiche della convivenza civile.

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?