Complessità: costruzione e racconto

A State of the net si trova uno spazio di discussione vera e cosmopolita che gratifica e impegna i partecipanti. Quest’anno lo spunto è la complessità. Tema giustissimo, perché la rete è comprensibile e ricca come sistema complesso mentre sarebbe incomprensibile e povera se vista come sistema lineare.

I costruttori della rete e gli studiosi della complessità – matematici, fisici e altri – hanno creato un nuovo modo di vedere la realtà, hanno arricchito la realtà di collegamenti tra i suoi elementi, hanno attivato un’infrastruttura che accelera l’innovazione. E internet, lungi dall’essere una realtà virtuale, tende a immergersi nel paesaggio per aggiungere una nuova dimensione all’ambiente. Sicché suggerisce anche un frame narrativo per raccontarne l’evoluzione e la dinamica a chi non è matematico o tecnologo, ma coltiva la consapevolezza necessaria per non essere un fruitore passivo e partecipare all’innovazione. E questo frame è quello che gli occidentali hanno imparato a conoscere nel corso della storia che ha portato la sensibilità ecologica da una cultura di minoranza a una coscienza maggioritaria. Questa metafora è operativa come quella di un’interfaccia e genera senso come una narrazione.

Alla fine dice che il gesto del singolo ha importanza per l’insieme e che la qualità dell’insieme è un valore per ciascun individuo. Un approccio culturale che nell’ecologia ormai comprendiamo e che la storia di internet può diffondere alle dimensioni sociali ed economiche della convivenza civile.

Articoli Correlati

  • 08/07/2012 Telmo Pievani racconta una storia a Viterbo Telmo Pievani non parla di complessità come sistema ma attraverso le storie. E racconta la storia dell'evoluzione umana. La caduta di un paradigma sull'evoluzione umana di fronte alla complessità. ...
  • 07/07/2012 Complessità senza paura Oscar Wilde diceva: "Per ogni problema complesso c’è sempre una risposta semplice... quasi sempre sbagliata”. Al Festival della complessità di Viterbo, nell'ambito di Caffeina, si scopre il fascino...
  • 21/09/2011 Digital alterNatives Il Centre for internet & society di Bangalore pubblica uno studio - scaricabile gratuitamente - sull'evoluzione della cultura giovanile online. E lo intitola significaticamente "digital natives...
  • 06/06/2015 MI030. Prospettiva a 15 anni: non cambia tutto, ma si cerca la misura umana del cambiamento Stefano Boeri ha organizzato con un'attiva squadra di giovani un incontro chiamato MI030 per coinvolgere centinaia di ragazze e ragazzi in una discussione sul mondo nel 2030. È in corso in questo m...
  • 27/01/2012 Agenda digitale, pagina uno Oggi anche l'agenda digitale è entrata ufficialmente nelle priorità del governo italiano (LaStampa). Reazioni come sempre contrastanti. C'è già chi dice che l'istituzione di una cabina di regia è t...
  • 25/07/2011 Html5: standard in fieri Matteo Brunati reagisce a un post precedente con un contributo importante e che vorrei sottolineare. Quindi lo ripubblico qui: "Ciao Luca, occhio che mi pare ci sia molta e forse troppa confusione ...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>