Tra le persone incontrate in questi ultimi giorni. Il cosmopolitismo imperfetto. Diamanti, d’Alena, Ragusa…

Tante cose si sentono incontrando persone che pensano e studiano e ascoltano. In questi giorni è successo con particolare intensità. Prendo un taglio, tra i molti emersi. E tornerò sugli altri.

Ilvo Diamanti raccontava di quel 50% di ragazzi italiani sotto i 28 anni che hanno la residenza nella casa della famiglia d’origine. Non vuol dire che ci abitino, spiegava. Vuol dire che sono pendolari. Che lavorano o studiano o fanno qualcosa da qualche parte e hanno la residenza a casa dei genitori. E il 50% degli italiani pensano che per trovare lavoro si debba andare via dall’Italia. Il 75% dei giovani italiani dicono “se posso vado via dall’Italia”.

Una riunione a Bologna tra decine di persone di buona volontà e grande capacità, raccolte da Michele D’Alena. Si domandavano come contribuire. Startup, imprenditorialità, racconto politico. Soprattutto il senso di insicurezza dovuto alla mancanza di un racconto sensato della prospettiva e di una struttura capace di valorizzare i risultati delle attività di innovazione sociale e unire le forze degli innovatori.

Giuseppe Ragusa raccontava degli italiani che lavorano a Londra, in startup fondate da italiani, che si sono localizzate in Inghilterra per trovare persone capaci. E che cercando hanno finito per trovare altri italiani. Erano le infrastrutture, l’ambiente favorevole, a portarli là. Forse.

Forse sta emergendo un cosmopolitismo imperfetto. La rete abilita la ricerca di nuove forme di connessione ai mondi che crescono o almeno offrono opportunità, anche senza muoversi dall’Italia e anche senza perdere contatto gli italiani. È imperfetto perché ancora non è raccontato pienamente. Ma è un fenomeno che sta accadendo. E questa è la prima puntata di una storia tutta da scrivere.

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?