Tra le persone incontrate in questi ultimi giorni. Il cosmopolitismo imperfetto. Diamanti, d’Alena, Ragusa…

Tante cose si sentono incontrando persone che pensano e studiano e ascoltano. In questi giorni è successo con particolare intensità. Prendo un taglio, tra i molti emersi. E tornerò sugli altri.

Ilvo Diamanti raccontava di quel 50% di ragazzi italiani sotto i 28 anni che hanno la residenza nella casa della famiglia d’origine. Non vuol dire che ci abitino, spiegava. Vuol dire che sono pendolari. Che lavorano o studiano o fanno qualcosa da qualche parte e hanno la residenza a casa dei genitori. E il 50% degli italiani pensano che per trovare lavoro si debba andare via dall’Italia. Il 75% dei giovani italiani dicono “se posso vado via dall’Italia”.

Una riunione a Bologna tra decine di persone di buona volontà e grande capacità, raccolte da Michele D’Alena. Si domandavano come contribuire. Startup, imprenditorialità, racconto politico. Soprattutto il senso di insicurezza dovuto alla mancanza di un racconto sensato della prospettiva e di una struttura capace di valorizzare i risultati delle attività di innovazione sociale e unire le forze degli innovatori.

Giuseppe Ragusa raccontava degli italiani che lavorano a Londra, in startup fondate da italiani, che si sono localizzate in Inghilterra per trovare persone capaci. E che cercando hanno finito per trovare altri italiani. Erano le infrastrutture, l’ambiente favorevole, a portarli là. Forse.

Forse sta emergendo un cosmopolitismo imperfetto. La rete abilita la ricerca di nuove forme di connessione ai mondi che crescono o almeno offrono opportunità, anche senza muoversi dall’Italia e anche senza perdere contatto gli italiani. È imperfetto perché ancora non è raccontato pienamente. Ma è un fenomeno che sta accadendo. E questa è la prima puntata di una storia tutta da scrivere.

Articoli Correlati

  • 01/01/2015 Appunti su Jobs act, contratti, freelance, occupazione… Sappiamo che la nuova occupazione è prevalentemente creata dalle imprese che hanno meno di cinque anni (Ocse). E che negli ultimi anni, a un aumento della ricchezza e della produttività, non ha cor...
  • 21/05/2012 Premio Marzotto domani a Milano Domani un convegno organizzato alla Bocconi intorno al grande tema della cultura d'impresa, delle startup e dell'innovazione. Con il premio Marzotto. Non è certo un caso che si parli tanto e in mod...
  • 08/11/2011 We see falling walls La prima volta che ho visto il Muro di Berlino ho pianto. Era il 1975. Tutte quelle lapidi e quei fiori dedicati a chi aveva tentato di scavalcarlo per cercare la libertà erano un'emozione enorme e...
  • 10/06/2015 Appunti per Master Unesco  Pensando a come spiegare il lavoro che serve per promuovere in modo nuovo un bene riconosciuto come patrimonio dell'Unesco è venuto fuori un insieme di punti che riassumo per i frequentatori del M...
  • 09/12/2011 Neet working I giovani Neet (not in education, emplyment, or training), in Italia, sono il 22,1% della popolazione tra i 15 e i 29 anni (Censis). Sono aumentati negli ultimi due anni nonostante il calo del nume...
  • 22/06/2014 Aspettative e realtà: la guida dell’Agid e tutto il resto dell’agenda Alla fine degli anni Novanta l'Italia era avanti nell'agenda digitale. Oggi è indietro come quasi nessun altro paese, come mostra lo scoreboard europeo. La responsabilità è principalmente di chi ha...

1 Commento su “Tra le persone incontrate in questi ultimi giorni. Il cosmopolitismo imperfetto. Diamanti, d’Alena, Ragusa…

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>