Dellai: non lasciamo
la democrazia a Facebook

Non si esce dalla crisi se ci si lascia paralizzare dalla paura e dal disorientamento. Zaino in spalla. Per riprendere il cammino.

C’è un passaggio su internet nel libro con il quale Lorenzo Dellai riprende il suo cammino politico. Perché si rende conto di quanto i media digitali siano potenzialmente connessi con il rinnovamento italiano. Dellai parte dalle idee ricostruttive di Alcide De Gasperi per l’Italia che usciva in macerie dalla guerra. Perché anche oggi la società e la cultura italiana si trovano devastate.

Gran parte di quelle macerie, sono il prodotto della perdita di contatto con la realtà che ha offuscato gli sguardi degli italiani negli ultimi decenni. E propone di ripartire dal territorio, la dimensione nella quale si fa la verifica concreta di quanto la politica tenta di affermare o rappresentare, tenendo ben presente la trasformazione della società e dell’economia, il tessuto civico rinnovato dalla rete, le opportunità vitalizzate dalla ricerca e dall’innovazione. A questo proposito, aggiunge: «Non possiamo lasciare la democrazia solo nelle mani di Facebook e Twitter». In realtà, internet non cessa di cambiare a sua volta: e si può innovare introducendo nuove piattaforme più adatte alla partecipazione. Nuovi media civici abitati da persone consapevoli.

Articoli Correlati

  • 17/02/2011 Ted conversations Il mitico Ted lancia il suo social network, Ted Conversations. Si postano domande, si lanciano temi di discussione, si propongono idee da sviluppare. L'interfaccia e l'ambiente che si trova nelle T...
  • 14/05/2012 Nomine Agcom: la trasparenza, la rete e le decisioni Sarebbe stato bello vedere un'innovazione nella modalità di raccolta delle opinioni sulle nomine delle grandi Autority in scadenza, per non parlare della Rai. Dell'Agcom si detto molto. Per le altr...
  • 19/10/2012 Il ministro Terzi dice la cosa giusta All'Igf2012 di Torino, il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata, in un messaggio registrato in video, dice la cosa giusta: «Internet è il più grande spazio pubblico mai creato. Ed è un b...
  • 10/05/2013 Per collegare il racconto della società all’azione politica. Il divorzio tra le persone e gli eletti non è irrimediabile Il caso della donna ridotta in schiavitù a Firenze, raccontato sull'account Facebook di Matteo Renzi, è istruttivo. Per l'informazione, la politica, la visione: 1. È un fatto. È una storia coinv...
  • 06/12/2010 Condominio come metafora Il condominio è un luogo di conflitto. E' strano, perché gli studiosi delle società tradizionali hanno spesso descritto il vicinato come il luogo della socialità, delle solidarietà, della convivenz...
  • 20/04/2012 Internet e democrazia, appunti I temi in discussione oggi alla Fondazione Basso sono profondamente importanti. E la guida di Stefano Rodotà è una garanzia. Alcuni appunti.La metafora che descrive internet come un ecosistema è su...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>