August 2010
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
« Jul   Sep »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Month August 2010

Ahref cerca…

Ahref: Think (and make) Tank…

Un modo per dire che la ricerca nei media sociali è come al solito basata su osservazioni, teorie, ipotesi e verifiche. Ma dove le verifiche sono basate sulla progettazione operativa e la creazione di progetti pilota. Insomma si pensa e si fa. Solo così si può capire se si è pensato bene…

Ahref, la fondazione per lo studio – fattivo, appunto – della qualità nei media sociali è finalmente a tutti gli effetti in funzione. Anche la burocrazia è stata domata… :-)

Ora cominciano le selezioni per i collaboratori. Una prima richiesta di curricula molto basilare è sul sito di Ahref, in fondo alla pagina.

Che gli architetti tornino al Mac

Autodesk ha deciso. Torna a fare la versione di AutoCAD per Macintosh. Aveva abbandonato la piattaforma elettiva degli architetti nel 1992. Ma evidentemente ha capito che la Apple si è rinnovata abbastanza. Il software sarà disponibile in autunno.

Localizzazione al rallentatore

Dire rallentatore è solo un eufemismo per quello che succede online. Insomma, anche la localizzazione va veloce nei social network. Solo che a paragone con il resto sembra sempre un po’ più lenta. Solo il 4 per cento degli americani ha provato i servizi basati sulla localizzazione, solo l’1 per cento lo fa ogni settimana. E sono quasi tutti tra i 19 e i 35 anni. Ne parla un’inchiesta del New York Times.

Perché? Ci sono diverse ipotesi:
1. Pudore, o privacy…
2. Mancanza di un valore d’uso percepibile
3. Eccesso di commercializzazione del dato
4. Lento decollo dell’effetto-rete
5. Eccessiva varietà dei servizi

Sta di fatto che la rete mobile sa sempre dove siamo se abbiamo in tasta un cellulare. E si spera sempre che i maleintenzionati veri non possano riuscire ad accedere a quei dati.

Leadership è interpretazione

La leadership nell’era della conoscenza? È il tema di Vedrò.

Non è solo comunicazione: non è solo capacità di articolare un messaggio convincente, anche a costo di manipolare la visione del mondo altrui. Non è certo neppure solo decisione razionale in base all’informazione: non è solo gestione della realtà.

Forse è interpretazione della relazione tra la realtà pubblica e un progetto che le persone che vivono in quella realtà possono riconoscere come proprio.. Imho.

Il cervello di Cingolani

Roberto Cingolani mostra (a Vedrò) le sue innovazioni nelle tecnologie dell’elaborazione dati. “Una persona compie circa 18 miliardi di miliardi di operazioni al secondo. L’elettronica ha dei limiti fisici e non potrà arrivare a nulla di simile. Noi all’Iit abbiamo cominciato a creare veri e propri neuroni che crescono su piste di proteine, si connettono e imparano”. L’istituto di Cingolani è già riuscito a far fare alla sua frazione di cervello creato in lavoratorio le prime operazioni complesse.

Insulti

“Ci sono insulti peggiori che essere definito un sognatore”.

Ronald Reagan

(sic)

BookBlogging – DECISIONI – Lehrer

More about How We Decide

Jonah Lehrer ha scritto un magnifico libro sul cervello e il modo con il quale funziona per prendere delle decisioni. È un libro che abbonda di aneddoti, esperimenti, vita quotidiana. Che si legge volentieri, perché le storie superano le astrazioni. E ha una tesi forte, straordinariamente adatta all’epoca che viviamo.
Per Jonah Lehrer il sistema che ci porta a operare le nostre decisioni non è una gerarchia, con in cima la ragione e alla base l’istinto: è piuttosto una rete nella quale ogni componente del cervello ha la sua funzione. La chiave del suo libro è proprio questa: le decisioni corrette derivano da un equilibrio tra le varie componenti del cervello, non dalla prevalenza di una sulle altre. 
Si sbaglia per eccesso di emotività, come si sbaglia per eccesso di ragione. Ma si può inventare qualcosa di nuovo, mantenere la calma in momenti di stress, considerare tutti gli elementi e operare la scelta più consapevole, lasciando che emozioni e ragione collaborino.
Lehrer tiene un seguitissimo blog: The frontal cortex. In italiano, il libro di Lehrer è tradotto da Codice.
_______________________________________________________________________

Alcuni libri che ho in mano                Impressioni mentre leggo

Arianna Dagnino
Fossili
Fazi Editore

Dante Alighieri  
La vita nova
Mondadori


L’amore e l’Africa, alla ricerca
 delle radici della specie umana. E di
una specie di umanità delle persone. 

Poesia e prosa si fondono nell’amore ideale
di Dante per Beatrice. Perché è una storia che 
si svela indagando ogni possibile linguaggio.

_______________________________________________________________________
Nel frattempo continuano le riflessioni sul libro di Jeremy Rifkin, sull’empatia, espresse in breve in un post precedente.
——————————————————————————
Altre
letture citate:
DeBaggis – community
Carr – internet
Ito – freesouls
Potter – design
Patel
- il valore
Sun
- media cinesi
Dazieri - gorilla
Conner - scienza popolare
Brokman - ottimismo
——————————————————————————
Le puntate precedenti di questa specie di “rubrica” vagamente domenicale…
Citizen, Maistrello (13 giugno 2010)
Risorgimento, Villari (9 maggio 2010)
Mediologia, Régis Debray (14 febbraio 2010)
Tempo, Roberto Peregalli (31 gennaio 2010)
Repressione, Cory Doctorow (10 gennaio 2010)
Miti, Umberto Galimberti (27 dicembre 2009)
Città esemplari (20 dicembre 2009)
Rifare la città (13 dicembre 2009)
Ricchezza della famiglia (6 dicembre 2009)
Capitale e condivisione (29 novembre 2009)
Miseria del millennio (22 novembre 2009)
Che cos’è la coscienza (15 novembre 2009)
Pirati e designer (11 ottobre 2009)
Scrivere la musica (6 settembre 2009)
L’arte dell’artigiano (28 giugno 2009)
Gandhi (7 giugno 2009)
La storia dei giornali (24 maggio 2009)
La valanga della crisi (29 marzo 2009
Il destino della storia (1 marzo 2009)
L’imprenditore di Schumpeter (22 febbraio 2009)
Il regime dei media (15 febbraio 2009)
Paul Veyne e costantino (9 febbraio 2009)
Sinapsi sociali (25 gennaio 2009)
Le storie contro la storia (18 gennaio 2009)
Io non sono il mio cervello (11 gennaio 2009)
Luminosa oscurità (4 gennaio 2009)
Il nuovo paradigma della finanza (21 dicembre 2008)
Il pericolo e l’intel
ligenza
 (14 dicembre 2008)
Beato chi si scandalizza (30 novembre 2008)
Viaggio per la felicità (2 novembre 2008)
Mercato o capitalismo (19 ottobre 2008)
Hacker (12 ottobre 2008)
Odio (27 settembre 2008)
Querdenker (24 agosto 2008)
L’indicibile segreto del segreto (14 agosto 2008)
Il filo dei libri (15 luglio 2008)
Felicità in azienda (28 maggio 2008)
Siamo le nostre azioni pubbliche (11 maggio 2008)
Senza povertà (4 maggio 2008)
Nothing ends (27 aprile 2008)
Esplorazioni insensate (5 aprile 2008)
L’arte del rinnovamento (16 marzo 2008)
L’arte nella storia (9 marzo 2008)
La logica della decrescita (2 marzo 2008)
La lettura dei confini (24 febbraio 2008)
La fortuna della filosofia (17 febbraio 2008)
Pensieri astratti su realtà concrete (3 febbraio 2008)
Memoria. Felicità (27 gennaio 2008)
Libertà della conoscenza (20 gennaio 2008)
Libertà della scienza (16 gennaio 2008)
Leggere nella complessità (13 gennaio 2008)
Leggere una storica scomparsa – 2 (6 gennaio 2008)
Leggere una storia scomparsa (31 dicembre 2007)
Il senso e la visione (22 dicembre 2007)
L’Italia e gli italiani (16 dicembre 2007)
La complessità della conoscenza (9 dicembre 2007)
L’organizzazione informale (2 dicembre 2007)
Il comune senso del capitalismo (4 novembre 2007)
Il gioco della matematica (28 ottobre 2007)
Numeri da leggere (7 ottobre 2007)
Fantadesign da leggere (30 settembre 2007)
Vivere una lettura filosofica della politica / 2 (23 settembre 2007)
Vivere una lettura filosofica della politica (16 settembre 2007)
Leggere il video partecipativo (5 agosto 2007)
L’identità delle vittime (29 luglio 2007)
La poesia di un amico è il titolo del racconto della tua vita (22 luglio 2007)
Leggere l’incomprensione (15 luglio 2007)
Il destino di leggere (8 luglio 2007)
Leggere la razza padrina (1 luglio 2007)
Leggere un incontro di civiltà (24 giugno 2007)
Lettura bella e popolare (17 giugno 2007)
Ricchezza della lettura in rete (3 giugno 2007)
Mutazioni nella lettura (27 maggio 2007)
Leggere nel futuro della città (20 maggio 2007)
Leggere il segreto di un inventore (13 maggio 2007)
L’organizzazione da leggere (6 maggio 2007)
La felicità di leggere (29 aprile 2007)
La scommessa di leggere (22 aprile 2007)
Leggere nel pensiero (15 aprile 2007)
Leggere nella mente digitale (8 aprile 2007)
Leggere nella rete (1 aprile 2007)
Leggere gli effetti dell’autobiografia (25 marzo 2007)
Leggere memi (18 marzo 2007)
Leggere l’identità del reporter (11 marzo 2007)
Leggere gli scenari (4 marzo 2007)
Leggere di quelli che lavorano (25 febbraio 2007)
Leggere dentro e fuori (18 febbraio 2007)
Leggere parole chiave (11 febbraio 2007)
Leggere appunti su ciò che non può essere scritto (4 febbraio 2007)
Rileggere quello che va riletto (28 gennaio 2007)
Leggere quello che gli amici hanno scritto (21 gennaio 2007)
Leggere quello che gli altri leggono (14 gennaio 2007)
Leggere per viaggiare (7 gennaio 2007)
Leggere per meditare (31 dicembre 2006)
Leggere per citare (24 dicembre 2006)
Gli occhiali per leggere (17 dicembre 2006)
Leggere, leggerezza, legge (10 dicembre 2006)
Leggere o non leggere (3 dicembre 2006)
Leggere per lavorare o lavorare per leggere? (26 novembre 2006)

Tag:  

Scrivono di libri: Clelia Mazzini (Akatalēpsìa), Luisa Carrada (Il mestiere di scrivere), Stefania Mola (Squilibri), Ste (melodiainotturna), Ossimora (Antonia nella notte), Remo Bassini (Appunti), Seia Montanelli (Paese d’Ottobre), Renee (Book of the day), Mitì Vigliero (Placida Signora), Gian Paolo Serino (Satisfiction), Gattostanco, Gabriella Alù (Non solo Proust), Patrizia Bruce (Dimmi, cosa leggi?), Angèle Paoli (Terres del femmes), Alessio. E… VibrisseLipperaturaLitteratitudineWittgenstein, talvolta. E inoltre: Bottega di LetturaPenna e mouseBookrepublicLa FrustaZamBooksblog. E MilanoNera. E Sottotomo… BooksWebTvPalagniacAmalteoCarmilla onlineAntonio Genna. E Nazione indiana.

Collegamenti: superfici, profondità, multidimensionalità

Le direzioni della ricerca della verità si spostano, si spiazzano, si ridefiniscono. Un tempo si cercava la verità “scavando” per trovare quello che “c’è sotto”. Era l’epoca in cui la verità era nella “profondità”. Talvolta cinicamente si cercava invece quello che sta “dietro” l’apparenza. Oggi si tentano nuove strade, scoprendo che non è facile vedere il “sopra e il sotto” oppure il “qui e l’altrove”.

Il gioco continua. Mario Tedeschini Lalli ha risposto ad Alessandro Baricco. Dice Mario che il tema non è più quello della contrapposizione tra superficialità e profondità. Il nuovo tema è la multidimensionalità.

Un altro modo per dirlo è che oggi forse si cercano prima di tutto i collegamenti tra i nodi e i fatti che corrono nella rete. Per poi ricostruire la storia che li unisce. Si può trovare una sola storia. O molte.

Promemoria Wikileaks

Segnalava su Nexa Arturo di Corinto, un documento pubblicato su Cryptome secondo il quale la Wau Holland Foundation, che sostiene finanziariamente Wikileaks, pubblicherà entro fine agosto i dati sui suoi finanziatori.

Il pezzo di oggi sul Sole.
Un promemoria per ricapitolare.
post di ieri e di pochi giorni fa.
Una breve intervista ad Assange.

Wikileaks e trasparenza

Da quando Wikileaks ha pubblicato i documenti sull’Afghanistan insieme a Spiegel, Guardian e New York Times, una grande discussione si è sviluppata intorno alle questioni fondamentali della trasparenza e della qualità dell’informazione in rete. Ne ho scritto. Ho visto Assange. Ne devo riscrivere. (Tutti i suggerimenti sono bene accetti e per questo trascrivo questi appunti qui).

C’è un’inevitabile grande complessità. Non credo se ne possa uscire. Ma credo che si possa evitare almeno che la complessità sia usata da chi usa la confusione come paradossale strumento retorico.

Penso che si debbano distinguere tre temi:
1. funzionamento del sistema dell’informazione
2. confronto tra vecchi e nuovi poteri
3. temi di principio

1. Nell’informazione ci sono da sempre diversi ruoli. Chi ha documenti, chi fa conoscere documenti, chi fa verifiche, chi scrive e comunica… E molti altri. Un insieme enormemente problematico. Sarebbe bello che ci fossero metodi di ricerca dell’informazione condivisi che consentono a tutti di verificare quello che si scopre per arrivare a conoscenze comuni sulle quali poi costruire le opinioni. C’è anche questo, in un mare magnum molto più composito. Sarebbe bello che questa dimensione delle informazioni verificabili e solide, sostenute da un metodo condiviso, potesse essere sempre più ampia. Il confronto tra chi serve la società portando informazioni solide e verificabili e chi aggiunge informazioni non verificabili c’è e continuerà. La rete in questo aiuta entrambe le attività. Ma il risultato socialmente migliore emergerà dalla simbiosi tra tutti i soggetti che fanno informazione con metodo condiviso, su qualunque mezzo agiscano. Il caso della collaborazione tra Wikileaks e giornali è stato un esempio positivo. Esiste una pratica e una strategia che possano portare avanti l’informazione di qualità e aumentare la dimensione del metodo condiviso?

2. Nei confronti di potere la trasparenza è garanzia di accountability. Ma è chiaro che non c’è solo il potere trasparente. E il confronto tra i poteri si gioca sia nella dimensione della trasparenza che in quella della segretezza. Per Lessig, per esempio, questo è un fatto non necessariamente negativo. In ogni caso, queste dimensioni del potere, occulte e trasparenti, ci sono e ci saranno sempre. Anche nel sistema dell’informazione (chi ha documenti, chi li pubblica, ecc…) ci sono poteri in parte occulti e in parte trasparenti. E’ possibile migliorare questa situazione?

3. I principi possono avere la funzione intellettuale dell’utopia, la funzione operativa dell’idelogia, la funzione giuridica dell’interpretazione delle regole, la funzione manipolatoria di chi li usa per uno scopo diverso da quello per cui erano nati. Il confronto tra queste tensioni, nelle questioni di principio c’è sempre stato. E continuerà. Si può fare crescere un sistema di conversazioni che sappiano aiutarci a distinguere tra le diverse forme con le quali appaiono i principi?

Queste domande sono sotto i nostri occhi ogni giorno. E sappiamo che non hanno risposta univoca. E’ l’azione, inventiva, creativa, necessariamente limitata, che genera nei fatti la maggior parte delle risposte che la storia ci offre. Ma possiamo imparare a navigare in questo mare di idee, rimandi, link, problemi e azioni… Non è la rete a risolvere il problema: la rete è un luogo dell’esperienza dal quale possiamo trarre capacità di navigazione in questa dimensione…

“La reinvenzione della superficialità”

Se l’innovazione è ai margini della rete, allora la profondità è in superficie?

E’ l’epoca dell’ossimoro: la “dotta ignoranza” raccontata dalla “letteraria saggistica”. E Alessandro Baricco scrive, oggi, su Wired, rilanciato da Repubblica, un sequel ai Barbari (grande intuizione)… Un brano:

“Scrivevo I barbari, ma intanto sapevo che lo smascheramento della
profondità poteva generare il dominio dell’insignificante. E sapevo che
la reinvenzione della superficialità generava spesso l’effetto
indesiderato di sdoganare, per un equivoco, la pura stupidità, o la
ridicola simulazione di un pensiero profondo. Ma alla fine, quel che è
accaduto è stato soltanto il frutto delle nostre scelte, del talento e
della velocità delle nostre intelligenze. La mutazione ha generato
comportamenti, cristallizzato parole d’ordine, ridistribuito i
privilegi: ora so che in tutto ciò è sopravvissuta la promessa di senso
che a suo modo il mito della profondità tramandava. Sicuramente tra
coloro che sono stati più svelti a capire e gestire la mutazione ce ne
sono molti che non conoscono quella promessa, né sono capaci di
immaginarla, né sono interessati a tramandarla. Da essi stiamo
ricevendo un mondo brillante senza futuro. Ma come sempre è successo,
ostinata e talentuosa è stata anche la cultura della promessa, e capace
di estorcere al disinteresse dei più la deviazione della speranza,
della fiducia, dell’ambizione. Non credo sia stolto ottimismo
registrare il fatto che oggi, nel 2026, una cultura del genere esiste,
sembra più che solida, e spesso presidia le cabine di comando della
mutazione.”

Google docs al rallentatore

Da mesi Google aggiunge nuove funzionalità ai suoi Docs – il software che si usa online per creare documenti. Ma lavorandoci sopra in modo continuativo si ha l’impressione che il risultato non sia positivo.

Le funzioni in più non sono sempre necessarie. Ma generano, si direbbe, uno straordinario rallentamento dell’interazione. Scrivendo velocemente il sistema non riesce a stare al passo e le battute si perdono tra la tastiera e la cloud.

Google ha sempre avuto una grande attenzione all’essenzialità dei suoi servizi. Se vuole aggiungere funzionalità lo potrebbe fare in modo da attivarle quando servono. Quando non servono dovrebbero starsene in disparte e non intralciare il lavoro. Imho.

Kindle. E la biblioteca della mente

Il nuovo Kindle piace alla critica. Non si sa quanto, ma si presume piaccia molto anche al pubblico. Difficile non vedere i vantaggi di questa tecnologia – reader sempre connesso con funzioni di ricerca nel testo più negozio iperfornito – e dunque non immaginare che si tratta almeno di un nuovo modo per fruire di quei lunghi testi che un tempo si chiamavano libri. Un modo fantasticamente adatto all’aggiornamento di chi legge saggi americani di attualità, di chi ama portarsi in viaggio una quantità di romanzi e saggi, di chi studia un argomento a fondo… E chissà quanti altri utilizzi.

E’ un mondo di libri per nomadi, dove lo spazio è poco mentre è necessario viaggiare leggeri.

La biblioteca invece è pesante. Come sa bene chi cambia casa. Costa. Occupa spazio. Ma il peso, la lentezza, lo spazio hanno una funzione culturale. La perdiamo a cuor leggero?

La biblioteca non è un deposito informe di libri. La biblioteca parla. Il suo ordine costruito nel tempo è un supporto della memoria senza paragoni. I collegamenti che ciascuno produce tra i suoi libri appoggiandoli negli scaffali sono riproposti ogni volta che li si percorre con lo sguardo. E ogni lavoro di ricerca, ogni ripensamento dell’esperienza accumulata dagli autori delle opere, ogni consultazione, si sostanzia anche dell’ordine dei ricordi di ciò che si è letto e di ciò che si da dove si può leggere incarnato dalla biblioteca.

Personalmente, ho un’esperienza preKindle che può aiutare a immaginare quello che succede con il Kindle. Dopo troppi traslochi, la mia biblioteca è stata smembrata e scompaginata tante volte che ormai il suo ordine è restato solo nella mia mente. I neuroni e le sinapsi sono l’unico luogo dove si mantengono in vita i valori culturali della biblioteca della mia vita. Ed è un po’ quello che sarebbe successo se tutti i miei libri si fossero trovati soltanto nel reader e nei computer cui esso consente di accedere. Perché la biblioteca, con la fisicità dei suoi scaffali e la pensante lentezza della sua struttura, manca nel mondo dei libri digitali. Né vale, per ora, a sostituirla, l’immagine riflessa nello schermo, per esempio di aNobii o di iBooks, degli scaffali digitali. Quella sembra piuttosto la scaffalatura della libreria, non della biblioteca personale.

La memoria di una biblioteca è fondamentale. La sua sostituzione vera nel mondo digitale non è ancora chiara. Ma è un tema di sviluppo al quale varrebbe la pena di dedicare un poco di creatività. L’interfaccia e l’architettura di interni di un mondo digitalizzato ma che si deve connettere all’esperienza analogica di chi ne fruisce.

update: Giuseppe Granieri suggerisce l’intrigante soluzione della biblioteca sociale, tipo Goodreads

Cosmo, siamo davvero tutti una rete

Gli amici in rete si sono accorti che il 4 settembre, in prima serata, andrà in onda Cosmo, un programma televisivo realizzato da Gregorio Paolini e la sua Hangar per RaiTre. Ne sarò il conduttore. (Grazie a Mante, Michele, Dario… e poi a Idenditag e a tanti tanti amici che ne hanno scritto in mail, twitter, facebook…).

Per uno che si mantiene agli studi lavorando nella carta stampata e nel web, partecipare alla realizzazione di una trasmissione tv è un’esperienza istruttiva (e grazie al Sole 24 Ore che mi consente di fare anche questo). Ne avevo scritto un paio di note. Ma forse vale la pena di condividere qualche altra impressione.

La prima impressione è la clamorosa qualità del lavoro di Hangar. Decine di persone si attivavano come un coro supercoordinato nello studio, alternando la frenesia dei movimenti tra una scena e l’altra, e il silenzio immobile dei momenti durante i quali si girava. E governando le dodici telecamere e fotocamere ad alta definizione, le luci, i suoni, gestendo ogni minimo dettaglio. Sembrava un set cinematografico. Il regista, il capo delle macchine, il produttore, gli autori, gli architetti erano tutti in scena insieme agli operatori. Di certo, qualunque valore abbia avuto quanto è stato detto dal conduttore e dai protagonisti della trasmissione – il chimico Dario Bressanini, le giornaliste scientifiche Alessandra Viola, Elisabetta Curzel e Silvia Bencivelli, la documentarista Chiara Cetorelli, la bioeticista Chiara Lalli e il tecnologo Ricardo Meggiato – insomma, qualunque cosa abbiamo detto, sappiamo che è stata registrata bene…

Il tentativo di raccontare l’attualità della ricerca scientifica in una forma di magazine è altrettanto sorprendente. La struttura narrativa è veloce e molto varia. Potrebbe forse apparire persino troppo varia se non fosse che la televisione evidentemente vive più di ritmo e di immagini che di ragionamenti e di parole. Da questo punto di vista, il giornalista della carta stampata può soffrire: oppure adattarsi, sorridendo alla sorpresa che la vita gli ha riservato mettendolo in quella situazione. Ma alla fine, si scopre che anche nella trasmissione televisiva il ragionamento e le parole sono importanti perché sono i pilastri della struttura, che senza non starebbe in piedi, anche se non li mette in mostra. Su questo c’è da riflettere.

Il testo è in effetti frutto di un lavoro collettivo nel quale ogni parola ha almeno tre o quattro genitori. Difficile trovare un’analogia con il lavoro di un giornale. Ancora una volta, si direbbe piuttosto che l’analogia migliore sia quella che si può fare con il cinema. Anche se è un cinema di episodi e documentari strutturati a magazine.

Il contenuto è organizzato sull’idea di fondo che mi sembra decisiva e alla quale un po’ ho partecipato: come possiamo descrivere le conseguenze di quello che stiamo scoprendo dal punto di vista scientifico e tecnologico sulla vita futura dei ragazzi e dei bambini di oggi? Le risposte che sono state trovate non sono affette da fideismo nella scienza e nella tecnologia, ma derivano da una sola certezza: il futuro è quello che stiamo costruendo.

Grande impegno per i servizi: poco o nulla è stato comprato dalle agenzie e dai network internazionali. Quasi tutto è stato realizzato dagli autori, dai giovani scienziati e giornalisti, e dai videomaker indipendenti. E’ un’apertura alla produzione e alla creatività dei giovani che la televisione si è consentita. Ed è una grande innovazione ancora una volta strutturale.

Il risultato finale non lo conosco. Non l’ho visto ancora. Spero sia buono. Aspettative troppo alte sono sempre un problema. Spero davvero che non siano più alte del risultato…

L’unica cosa che so è che tutti ce l’hanno messa tutta. Con una rinfrescante dose di umiltà di fronte alla conoscenza e rispetto nei confronti del pubblico.

Un evento unico. Vedremo se, una volta visto, saremo tanto ben impressionati da augurarci che si ripeta…

Le ultime puntate della fiction politica

Boh. C’è chi ci capisce molto più di me. Ma da tempo noto che la politica non è più solo uno spettacolo. Più nello specifico sembra una fiction, con tanto di autori, protagonisti, comparse, stagioni, stili, pubblicità… (Due post precedenti, per esempio).

E ci possono essere anche i flop.

Se per esempio le puntate di agosto finissero con un accordo che riporta dentro la maggioranza il gruppo di Casini con un grande accordo anche con la Lega, o se finissero con l’approvazione delle leggi più desiderate dai politici che hanno guai con la giustizia, o se finissero con l’annacquamento delle ragioni sulle quali si sono visti gli scontri dello scorso mese, il risultato sarebbe una perdita di ascolti. Generalizzata.