Home » informazione

informazione

informazione

Il fatturato del Nytimes online

La classifica dei siti che fatturano di più (via Montemagno). Da notare, al trentesimo posto, il servizio online del New York Times: 175milioni di dollari.

informazione

Steven Berlin Johnson

Grande discorso di Steven Berlin Johnson a Austin, South By Southwest Interactive Festival.  Il futuro del giornalismo. E il futuro dei giornali. Ormai sta emergendo da più parti una visione credibile.

E buon pezzo di Clay Shirky. Vale la pena di riassumere e commentare: link.

informazione

Centimetri di pensieri per Nòva

Gaspar Torriero è un amico. La sua critica dell’editoria tradizionale è pungente e profonda. Specialmente quando sottolinea le distorsioni informative che possono essere provocate dagli interessi economici, le ideologie o la malavoglia dei professionisti che fanno i giornali tradizionali. Questa volta ha proposto un’originale analisi del nuovo formato di Nòva, arrivando alle conclusioni giuste attraverso un procedimento sbagliato. Un piccolo errore che forse lo potrà indurre a qualche indulgenza per le mille prossime volte che ne commetteranno i criticabili professionisti di cui sopra. via...

informazione

Proposte Nòva

E dunque oggi Nòva è in tabloid. Pregi e difetti di un formato piccolo ce ne sono. Si cerca per esempio l’equilibrio, se mai si troverà, tra le informazioni in breve e i pezzi più lunghi. Ci vorranno alcuni numeri per vedere emergere le soluzioni grafiche più giuste. Nel frattempo dovrebbe arrivare anche una nuova versione della presenza online di Nòva, da integrare nel discorso. E per qualche settimana coltiveremo dubbi, tentativi, sperimentazioni. Si spera molto nei suggerimenti e nelle proposte di chi avrà voglia di condividerli.

informazione

Nova Tabloid

Nòva esce oggi per l’ultima volta in formato grande. Dalla prossima settimana sarà tabloid. Si ripensa, si sperimenta, si discute. Ogni suggerimento è gradito…

informazione media

Il Grande Fardello. E il diritto di cronaca

In un giro di comunicati stampa, Mediaset e Rcs hanno dato la loro versione dell’ordinanza di ieri del Tribunale di Milano sulla pubblicazione nel sito del Corriere della Sera di spezzoni di trasmissioni televisive di Mediaset. In realtà, si scopre che l’ordinanza stabilisce che il Corriere deve togliere dal sito 5 filmati tratti dal Grande Fratello. Ma non è obbligata a togliere oltre 50 filmati tratti da altre trasmissioni di Mediaset. Per il diritto di cronaca. In pratica, il Corriere può pubblicare spezzoni di trasmissioni quando sussista il diritto di cronaca. Ed evidentemente il...

informazione

Silvio to go (if only)

Sulla copertina dell’Economist di questa settimana, il disegno raffigura i leader di Germania, Francia e Gran Bretagna si disperano per il conto salatissimo che l’Europa dovrà pagare per i suoi problemi attuali, dalla crisi dell’Est ai vecchi difetti dell’Ovest. Un cameriere presenta il menù con un lungo elenco di pietanze difficili da digerire, cioè di problemi da affrontare. L’ultimo in fondo, piccolo piccolo, riguarda l’Italia. Dice: “Silvio to go (if only)”. Un problema, una soluzione, un desiderio… (Guardando Google News, più Repubblica e Corriere, mi pare di vedere che...

informazione

TechCrunch e il delicato valore del prestigio

Richard Jones di Last.fm nega con tutte le sue forze. TechCrunch aveva scritto in un post (spesso aggiornato) che Last.fm (che appartiene alla Cbs) avrebbe dato alla Riaa l’accesso ai nomi delle persone che ascoltavano un disco degli U2 diffuso illegalmente. Lo aveva scritto sulla base di una sola fonte. Anche la Riaa ha smentito. The register e Ars Technica seguono la vicenda. Mathew Wingram fa notare che la pratica di verificare le notizie basate su una sola fonte con almeno un’altra fonte è ormai acqua passata anche nei grandi giornali tradizionali. Ma non nega che TechCrunch abbia...

informazione

Ancora sui giornali in crisi

Cory Doctorow scrive un pezzo sul futuro poco roseo dei giornali… E non solo dei giornali… Non è solo a proporre questo genere di analisi…

Attenzione media informazione

L’informazione e’ troppo importante per lasciarla ai generalisti

Gaspar Torriero segnala (via Jay Rosen) un pezzo sui modelli emergenti di giornalismo. E sottolinea che il primo problema dei giornali tradizionali è che sono generalisti. Mentre il pubblico, ormai, può cercare informazione soddisfacente aggregando diverse testate specializzate, i giornali tradizionali continuano a credere che una testata generalista possa soddisfare tutti.  È un’obiezione forte. E motivata. Alla quale si può rispondere solo che una testata, dal punto di vista teorico, può avere un significato: quello di promettere un certo comportamento, un certo metodo, un certo...

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video