Essere stati digitali

Il rapporto tra il potere statale e il potere digitale si va confondendo nell’operatività quotidiana. Avviene in quel genere di spazi nei quali per esempio uno stato come la Russia può essere indicato come mandante di gruppi di smanettoni che riescono a influenzare pesantemente la politica interna di altre nazioni come gli Stati Uniti. Avviene dove i servizi segreti di una nazione, come gli Stati Uniti, possono spiare i capi di stato avversari e alleati, o far cadere politici della loro stessa nazione facendo emergere che sono al servizio di una nazione straniera (Post). Ma avviene anche quando una nazione come la Danimarca si accinge a nominare un ambasciatore per parlare con le potenze digitali, tipo Facebook e Google, considerate quasi come stati. E soprattutto avviene nel momento in cui il digitale diventa un luogo di aggregazione di persone che riescono a cambiare il corso di una democrazia.

In Italia, questo sta avvenendo in modo piuttosto importante. Giuliano da Empoli ne scrive in un articolo da leggere: La rabbia e l’algoritmo. La rabbia non è più incanalata dai partiti che hanno una cultura di sinistra. Ma se altrove va in strutture politiche abbastanza ben descritte dalla parola “populismo”, in Italia si aggrega per vie reticolari nella vicenda del Movimento 5 Stelle e dimostra in modo originale la potenza del digitale nella organizzazione delle decisioni collettive e del consenso. Rappresentanti che si presentano come portavoce di una volontà politica che si esprime in rete sono un fenomeno specifico di questa esperienza, corretta nella sua apparente democraticità diretta da una leadership fisica e razionale incarnata dai fondatori, garanti del metodo e della strategia. Un po’ come l’open source di Linux era garantito dal fondatore Linus Torvalds. I partiti che si pongono di fronte a questa struttura con la mentalità sviluppata in epoca analogica appaiono radicalmente obsoleti nel contesto sociale che dà per scontato il digitale. Il valore aggiunto che possono portare non è incardinato nel passato, ma nel futuro: possono offrire una qualità dell’analisi politica che può candidarsi a migliorare i risultati di una interpretazione meramente quantitativa dell’opportunità digitale. Ma devono fare un salto nella modernità. Si può fare. Non è ineluttabile. Può avvenire solo per via di volontà e visione.

Articoli Correlati

  • 23/06/2015 Change.org a 100 milioni Complimenti a Change.org e ai suoi utenti! SAN FRANCISCO, CA - 23/06/2015 - Change.org, la più grande piattaforma per il cambiamento sociale, annuncia oggi che oltre 100 milioni di persone, in 196...
  • 29/11/2014 Internet. Google. Diritti. Europa avanzata a parole e indietro nei fatti. E allora ripartiamo dalle parole E allora. L'Europa continua in uni stillicidio di annunci e decisioni su internet, Google, Facebook, ecc ecc. Come valutare la situazione? L'Europa, in Parlamento - dove appunto si dicono le parol...
  • 05/06/2015 Politico: sinistra europea divisa su TTIP Gran bel pezzo sul TTIP pubblicato da Politico. Si legge come e dove soprattutto la sinistra europea si trovi in difficoltà di fronte al trattato che dovrebbe aumentare il libero scambio tra Europa...
  • 29/09/2011 Perché gli italiani non si ribellano. Che altro possono fare… Vorrei dar conto di una discussione che si sta sviluppando intorno a un tema emozionante. Grazie per tutti i commenti che sono stati proposti su questo blog, su Twitter, su Facebook, su Google+. Mi...
  • 22/09/2016 Partecipa ai Tavoli della Ragione E' aperta la piattaforma dei tavoli della Ragione dove si preparano le discussioni che si concludono a Padova il 30 settembre e i cui riflessi arriveranno su Nòva domenica 9 ottobre: i Tavoli d...
  • 19/03/2014 Entrate e uscite. Dalla Russia A Mosca, dal 1974, la visita precedente, nulla o tutto è cambiato, per un viaggiatore, purtroppo, veloce. La neve è la stessa presenza incombente. Quasi allegra perché qui tanto ovvia. I segni resi...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>