Articoli Correlati

  • 21/02/2017 Ancora una volta: stupido è chi stupido fa Ancora una volta mi chiedono di commentare sulla possibilità che internet ci renda stupidi. Questa volta, con profondità maggiore del solito, se lo chiede il programma Moby Dick della Radio Svizzer...
  • 22/07/2015 Il wireless di Arianna Se ti perdi e non hai un filo di Arianna puoi contare sul wireless, dice Bea Barthes, neomarchio italiano di abbigliamento-internet-of-things... Il caso d'uso è il bambino che si perde in spiaggia ...
  • 12/01/2017 Italia: 30 milioni online Gli ultimi dati dell'Audiweb mostrano che gli italiani online sono oltre 30 milioni, che passano due ore al giorno online, che lo fanno prevalentemente da mobile (Prima).
  • 16/05/2011 Sanbaradio Un'intervista su Sanbaradio è un onore. Il nome può fare immaginare un sottofondo di ritmi sudamericani. E le persone che ci lavorano sono piene di vita. Si tratta della radio del quartiere San Bar...
  • 20/10/2015 Scooter-sharing Hai provato uno scooter-sharing? Se ti capita un mezzo nel quale sono finiti i copricasco lo prendi lo stesso anche se non sai chi sia la persona che ha usato quel casco prima di te? La startup Scu...
  • 15/06/2015 Per comprendere il copyright digitale in Creative Commons Simone Aliprandi condivide online un articolo corposo e utile sul copyright nel contesto digitale. E lo distribuisce con una licenza Creative Commons. Quindi si può leggere sul sito di Pearson.
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>