Tim O’Reilly su immaginazione e futuro

Tim O’Reilly parla di robot che sostituirebbero il lavoro, tecnologia che migliora la vita, capitalismo e inevitabilità… Un buon modo di usare 25 minuti circa… Perché ci dice che non possiamo affrontare realisticamente il futuro senza immaginazione.

Articoli Correlati

  • 10/03/2009 Dormire, forse sognare Tim O'Reilly parla del futuro. Il sogno, l'ipotesi e la verifica. Per costruire qualcosa che serva davvero. Con meno ideologia. E più immaginazione. Il resoconto sul Guardian. Ecco le slide di Tim.
  • 14/05/2016 Senza paura dei robot    Oggi al Salone del Libro di Torino, Roberto Cingolani, IIT, ha spiegato quello che sta facendo nella robotica. Una sorta di imitazione biomeccanica dell'evoluzione per via genetica. E ...
  • 05/07/2016 La vita è una simulazione, simula di sostenere Musk Che Elon Musk creda davvero che la vita umana si svolga in una simulazione tipo Matrix è difficile da provare. Che ci sia una sorta di nuova comunicazione promozionale che usa messaggi piuttosto so...
  • 24/11/2015 Un robot che sa dire di no Se un uomo dà un ordine a un robot, questo deve obbedire. Ma se un uomo dà un ordine che mette inutilmente in pericolo l'incolumità del robot, questo può disobbedire? Gordon Briggs e Matthias Scheu...
  • 29/01/2011 Irenäus Eibl-Eibesfeldt «Irenäus Eibl-Eibesfeldt ha fondato l'etologia umana. Ci ha aiutato a comprendere che la specie umana è fatta di antropologia e biologia, cultura e natura. E il problema è come si costruisce l'unit...
  • 21/10/2010 Open in che senso Un bel pezzo, sincero, di Joe Hewitt, sull'open source. Discute, l'autore, su quanto sia open Android. E su che cosa davvero significhi open source oggi. Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensano co...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>