Si parla di copyright stasera alla Festa dell’Unità di Torino. E probabilmente ci sarà anche Gigi D’Alessio

Sul copyright ci si arrabbia spesso. Perché spesso le posizioni sono preconcette e le misure sproporzionate. Stasera se ne parla alla Festa dell’Unità di Torino. Gigi D’Alessio a quanto pare alla fine ci sarà. Anche se la sua presenza aveva scatenato qualche polemica nel PD.

La verità è che la materia è complicata, la tecnologia continua a sfidare le regole del gioco, i modelli di business si aggiornano costantemente. Nessuno contesta il principio secondo il quale gli autori hanno il diritto di ricevere il pagamento dovuto per la loro opera. Ma il modo con il quale il sistema del copyright è gestito è invece molto controverso.

Speriamo stasera di capirne di più. La Siae è equa con tutti gli autori, grandi e piccoli? Sa aggiornarsi alle nuove tecnologie? Le nuove forme di raccolta favoriscono solo i grandi o possono servire anche ai piccoli? C’è trasparenza sull’allocazione dei proventi per copia privata che sono raccolti ogni volta che i consumatori comprano una memoria digitale anche quando non si sognano di usarla per copiare la musica? Perché certi artisti italiani restano con Siae e altri passano con Soundreef? Perché il governo è favorevole al monopolio Siae? Che tipo di concorrenza si sviluppa in Europa tra le società di raccolta? Vedremo stasera che cosa viene fuori. 

1 Commento su “Si parla di copyright stasera alla Festa dell’Unità di Torino. E probabilmente ci sarà anche Gigi D’Alessio

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *