Le banche americane pagano. Una riforma non è in vista

Le banche americane pagano. Una riforma non è in vista

Goldman Sachs pagherà 5,1 miliardi di dollari per aver informato male i clienti sui prodotti rischiosi che vendeva loro prima della crisi del 2008. Sapeva che avrebbero perso il loro valore ma li ha venduti lo stesso. E ha contribuito a generare la più grave crisi finanziaria della storia, quella che stiamo pagando ancora oggi. Con i 5,1 miliardi, Goldman Sachs perde gli utili di questo trimestre. Tutto qui. (Reuters). E potrà risparmiare un po’ di questi soldi usando vari trucchi (NyTimes).

Patteggiamenti analoghi sono stati fatti da altre banche. Bank of America ha pagato 17 miliardi. JPMorgan ha pagato 13 miliardi. Citigroup ha pagato 7 miliardi.

Tutte queste banche non solo hanno approfittato della deregulation iniziata da Ronald Reagan e completata da George Bush, per cui possono fare strettamente quello che vogliono. Ma hanno approfittato della mancanza di regole per imbrogliare il pianeta con prodotti finanziari destinati a generare una crisi finanziaria gigantesca. Senza governare il processo. Perché agivano di trimestre in trimestre. In “Too big to fail“, Andrew Sorkin mostra come le banche seguissero una logica uscita dal controllo di chiunque. La deregulation in presenza di sistemi incentivanti monomaniacali e privi di senso del lungo termine (tutto avviene nel trimestre e tutto si concentra sui premi ai top manager e al valore per gli azionisti) provoca evidentemente instabilità finanziaria globale: il sistema complesso di un mercato oscuro, privo di simmetria informativa, pieno di posizioni dominanti incontrollabili, con i controllori che non controllano perché le loro entrate dipendono dai controllati, con i politici che non fanno policy perché le loro campagne dipendono dai soldi delle lobby, non è autoregolato. Non è un mercato concorrenziale. È puro capitalismo oligopolista. E fa male.

Una policy che torni a regolare il settore bancario sta diventando necessaria. Le multe non sembrano incidere più di tanto.

Articoli Correlati

  • 18/03/2016 «Corri ragazzo». Il consiglio del boss della Goldman ai giovani è rivelatore I giovani di Wall Street sono preoccupati. Licenziamenti in vista. Poca carriera davanti. Occasioni migliori o tentazioni più attraenti nella tecnologia e nelle startup. Uno dei capi di Goldman Sac...
  • 14/08/2015 Manipolazioni sul mercato dei cambi Si è discusso nei giorni scorsi sull'intervento della banca centrale cinese che ha modificato il cambio dello yuan aprendo secondo alcuni una fase di guerra valutaria (Bloomberg, Wsj, Al Jazeera, N...
  • 18/08/2016 La regolamentazione del Male. Anche Goldman Sachs può soffrire Finora sembrava che la grande riforma del mercato finanziario introdotta dall'amministrazione di Barack Obama - Dodd-Frank e altre leggi - pensata per ridurre i rischi di nuove crisi come quella de...
  • 24/05/2010 Consigli da Goldman La grande banca Goldman Sachs ha fatto un sacco di soldi negli anni prima della crisi e anche dopo. Sta arrivando a patteggiare per un miliardo sull'accusa di aver lucrato in modo fraudolento che g...
  • 24/05/2012 Emozione razionale per Facebook Uno studio di McKinsey fa notare che le emozioni guidano il comportamento sul mercato finanziario in poche occasioni e per poco tempo, ma in generale la razionalità dei fattori economici fondamenta...
  • 14/04/2009 Lettura caotica del sistema bancario Sul Corriere di carta, la Goldman Sachs che torna in utile, anche se la spiegazione è piuttosto misteriosa, e cerca soldi sul mercato (Wsj) per ripagare il prestito statale. Sul Corriere online la ...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>