Il caso per caso Apple – FBI

apple

Se dunque l’FBI ha trovato il modo di aprire il famoso iPhone del terrorista senza intervento della Apple il caso sembra avviato a soluzione. Perché cade il presupposto di tutto: che l’intervento della Apple fosse indispensabile.

Conseguenza. Gli inquirenti possono tentare di entrare in ogni luogo nel quale possono trovare prove per contrastare i crimini o il terrorismo. Ma non possono imporre al costruttore di un oggetto sicuro di renderlo meno sicuro. Deve valere il caso per caso. Non si può imporre che tutti gli utenti di iPhone debbano avere uno strumento meno sicuro solo per permettere le indagini dell’FBI, col rischio che la breccia sia usata anche da criminali e terroristi, e che sia usata per la sorveglianza di massa in stile NSA.

Vedi:
Apple stared down the FBI and won
The FBI Now Says It May Crack That iPhone Without Apple’s Help

Le agenzie americane sono sempre sull’orlo di esagerare. E spesso esagerano. Il caso del terrorista è stato usato per fare pubbliche relazioni. La Apple ne è uscita bene. Ma la storia non finisce qui, purtroppo. L’Europa giocherà un ruolo essenziale.

Vedi:
United States sets out limits on its spying as part of new data pact with EU

Da verificare:
White House Asked Google & Facebook To Change Their Algorithms To Fight ISIS; Both Said No

La storia:
Apple vs. FBI

Leggi:
Pax technica

Articoli Correlati

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>