«Internet of cards»: la rete nella serie del potere

house-of-cards

C’è un passaggio rivelatore, in House of Cards 4. Quando l’ex giornalista Lucas Goodwin viene rilasciato dal carcere e portato in una casa dove dovrà vivere clandestinamente sotto falso nome. In quella casa avrà la tv via cavo, ma non internet: quindi non potrà vedere Netflix.

Perché niente internet? Internet è il motivo per cui Lucas era in galera, accusato di cyberterrorismo. E senza internet in casa la clandestinità di Lucas sarà protetta meglio. La serie di Netflix, azienda nata e soprattutto cresciuta grazie a internet, dipinge la rete come la tecnologia del controllo, dello spionaggio, della diffusione di informazioni più o meno false ma certamente pericolose.

L'”internet of cards” è l’internet del potere e del contropotere. Juan Carlos de Martin riflette da tempo su questo e ne ha parlato a Bruxelles, al Bozar, in occasione di una conferenza organizzata dall’Istituto italiano di cultura. Esiste il potere “in” internet, il potere “di” internet e il potere “su” internet. Della rete non si può più parlare senza tenerne conto. La rete libertaria e anarchica di un tempo è stata invasa da altre logiche. Non poteva essere diversamente.

Ma resta internet: una tecnologia che – fintantoché resta neutrale – consente di inventare ogni genere di possibilità ulteriore di interazione sociale, culturale e politica.

Articoli Correlati

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>