Ocse: dove i lavoratori stanno bene la produttività è maggiore. I datori di lavoro avvertiti lo sanno. In Italia non lo sanno tutti

ocse-quality-job

ocse-quality-job2

Fig3-Job strain.fw

L’Ocse ha pubblicato un database molto significativo sulle condizioni dei lavoratori nei diversi paesi. La qualità delle condizioni dei lavoratori sono migliori in Australia, Austria, Danimarca, Finlandia, Germania, Lussemburgo, Norvegia e Svizzera. I paesi dove i lavoratori stanno peggio sono: Estonia, Grecia, Ungheria, Italia, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Spagna e Turchia (Ocse, pdf).

I paesi virtuosi sono forti in almeno due delle tre dimensioni della qualità delle condizioni dei lavoratori considerate dall’Ocse (vedi i grafici), trovate rispondendo alle seguenti domande:

- Earnings quality. How does employment contribute to material living conditions? How are earnings distributed across the workforce?
– Labour market security. What is the level of risk of becoming and staying unemployed? What are the economic consequences for workers of being laid off?
– The quality of the working environment. Having a job is not just about money. What is the nature and content of the work? How much pressure does it involve? Working-time arrangements, workplace relationships, opportunities for training and work-life balance are also important factors.

Da notare che una delle principali cause di crisi strutturale italiana è la scarsa produttività. Che è collegata anche alla scarsa qualità delle condizioni dei lavoratori. Evidentemente, si deve innescare un circolo virtuoso. E perché abbia un effetto rilevabile dalle statistiche dovrebbe coinvolgere tutto il paese: in effetti, le statistiche sull’Italia sono sempre falsate dalla forte disomogeneità dell’economia del territorio italiano.

Ci si può domandare: arriva prima il miglioramento delle condizioni dei lavoratori e poi la produttività e la crescita, oppure arriva prima la crescita e poi il miglioramento delle condizioni dei lavoratori. Ma è una domanda diversa nelle diverse economie. In particolare, se un’economia si sta sviluppando è chiaro che prima viene la crescita e poi le migliori condizioni dei lavoratori. Ma sarebbe interessante sapere se vale anche in un’economia già sviluppata che affronta una crisi o una trasformazione: si potrebbe ipotizzare che, al contrario, una condizione dei lavoratori migliore consenta di affrontare le crisi e le trasformazioni in modo più solido, anche per motivi sociali e culturali. Ma questa è solo un’ipotesi.

Il database è consultabile qui.

Articoli Correlati

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>