Poggiani e poi

Alessandra Poggiani si dimette dall’Agid e si candida in Veneto. Le motivazioni personali non si discutono. Le spiegazioni pubbliche si accavallano. E contraddicono.

«Ho ritenuto che la parte più importante del mio lavoro sia stata portata a termine con il varo del piano Crescita Digitale e della strategia per la Banda ultralarga» (Corriere Comunicazioni)

Altrove dice:

«Non posso cambiare le cose da sola, senza squadra. Ed è difficilissimo farlo se il digitale è ancora ritenuto una questione tecnica e non una priorità, trasversale a tutto il resto» (Wired).

Poggiani ha fatto sapere pubblicamente che vale la prima (Sole). Wired ha risposto. Ma non è proprio questo il punto.

Il punto è che non di soli piani di fa il digitale ma anche di realizzazioni. Guardando avanti, occorre chiarire che cosa deve fare l’Agid e dare all’Agid i mezzi per farlo. Se si chiarisse che l’Agid è un’agenzia che deve realizzare i piani del governo, come sembrava ovvio ma non è mai stato detto in modo chiaro, ci sarebbero meno ambiguità.

I limiti operativi sono enormi. Il compito è di grandissima importanza. Una struttura di governance più semplice è davvero urgente. Imho.

ps. Si tratta appunto di una mia opinione. Ho l’onore di partecipare al Tavolo permanente per l’innovazione, insieme a molte altre persone più competenti, che ha compiti meramente consultivi. E anche in quella sede dico quello che penso. Credo che mi abbiano chiesto di partecipare solo per questo. E quello che penso l’ho anche già scritto: il governo dà la visione e fa le strategie, il Comitato di indirizzo le trasforma in un piano operativo con la partecipazione dei vari ministeri, l’Agid le porta a compimento. È già complicato così. E di certo non occorre aggiungere altra complicazione.

  • 17/10/2017 Aspettando una rete in Italia per le telecomunicazioni Raccontano che oggi i due operatori che stendono la banda larga in Italia aspettano i permessi dei comuni e poi cominciano, come Maspes e Gaiardoni, a fare un surplace strada per strada per vedere ...
  • 15/12/2016 Italia scende in classifica sulla banda larga La rincorsa annunciata sulla banda larga italiana non si è ancora concretizzata secondo i dati Akamai: "Anche per questo trimestre, tutti i paesi EMEA coinvolti nello studio mostrano una crescit...
  • 21/11/2016 Il referendum dei masochisti Riprendiamo da un post precedente, in vista del referendum costituzionale. La maggioranza degli italiani considera la questione meno che urgente, a quanto risulta dai sondaggi, ma ciò non significa...
  • 30/05/2016 Trump. L’apparente autenticità della scorrettezza Secondo il pezzo pubblicato da David Weinberger su Nòva ieri, Donald Trump ha successo sui social network perché usa un linguaggio diretto senza tener conto delle regole della buona educazione e de...
  • 28/07/2012 Sporca politica anche nella concorrenza tra piattaforme americane Il ceo di NationBuilder lamenta in una mail una forma di concorrenza sleale da parte di NgpVan. Sono entrambe piattaforme americane per gestire movimenti politici. La prima si dichiara rivolta a ch...
  • 25/02/2016 Escalation Apple vs. FBI Le notizie si susseguono e la vicenda Apple vs. FBI sta crescendo e si va precisando. Si tratta di un'escalation. Sembra che nessuna delle parti sia orientata a cedere. E che il rilancio sia dest...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *