Forte piano banda larga. Alla prova del futuro

Il piano per portare l’Italia nel mondo sviluppato e decentemente connesso con la banda ultralarga è passato al Consiglio dei Ministri di ieri, rimandando l’idea del servizio universale a 30mega. Il testo è da leggere (pdf).

Si tratta di arrivare a 100mega per metà abbonati entri il 2020 e dare agli altri la possibilità di abbonarsi a 30mega. Oggi solo l’1% va a 100mega e la media dei collegamenti sta tra i 5 e i 9 mega, a seconda delle fonti delle stime. Quindi il piano è ambizioso.

Usando le parole di Vint Cerf, quando descrive l’idea di fondo con la quale è stata progettata l’internet originaria, il piano dice di volere arrivare a un’infrastruttura “a prova di futuro”. Sarebbe una novità assoluta per l’Italia che di solito sceglie la strada di fare le cose all’ultimo momento senza anticipare gli sviluppi successivi e rimandando le scelte più lungimiranti. Ma è un’affermazione da verificare.

Giustamente il piano è agnostico sulle tecnologie, anche se a leggere bene, preferisce la fibra (e come dar torto agli estensori?). Inoltre vuole essere inclusivo anche se la questione del servizio universale a 30mega è stata rimandata. Il fatto è che il piano è ambizioso ma tenta anche di essere realistico e di tener conto delle esigenze degli operatori che, potranno contare su oltre 6 miliardi di investimenti pubblici ma dovranno metterne a loro volta altrettanti per raggiungere gli obiettivi del piano.

A questo proposito le esigenze di Telecom Italia, giustificate dalle esigenze finanziarie del gigante ultraindebitato, sono di fatto il principale problema che mette il piano nelle condizioni di dover sncora dimostrare se sarà capace di vincere la prova del futuro.

Nel piano c’è chiara l’immagine di che cosa ci si aspetta, senza imporre nulla, dagli operatori: che si adattino a prtecipare a una nuova entità pubblico-privata con nessun operatore in maggioranza assoluta, che costruisce la nuova rete collocando la fibra accanto al doppino. Il piano si direbbe immagina una sovrapposizione graduale di tecnologie fino al fatale ma non cogentemente previsto abbandono del doppino e al passaggio definitivo alla fibra. Le alternative ci sono, ma questa ipotesi ha il vantaggio di ridurre la probabilità che gli operatori costruiscano diverse reti nelle aree ricche del paese e abbandonino a sé stesse le aree povere. Un coordinamento che minimizzerebbe gli sprechi di investimenti e il digital divide fisico.

Si metteranno d’accordo Telecom, Vodafone, Metroweb, Cassa depositi e prestiti, operatori e autorità regionali, governo e tutti gli altri soggetti coinvolti? A leggere il piano crescita digitale (pdf) ne varrebbe la pena per il paese. Ma gli interessi di tutte le botteghe e le ditte saranno in gioco in una trattativa che potrebbe rivelarsi infinita. A meno che questa volta il governo non riesca a imporre un ritmo serrato alla discussione: con un handycap, perché chi gioca a rimandare, facendo melina e catenaccio, vince anche se pareggia… Sarebbe un’ennesima intollerabile occasione persa.

Vedi anche
Aspettando il piano

Articoli Correlati

  • 22/10/2015 Istat, industria, Big Data L'approccio Big Data si sta facendo strada in Italia. In un percorso parallelo, l'industria riunita alla Luiss ha dimostrato la fattibilità e l'opportunità di usare i dati come un patrimonio da val...
  • 29/04/2016 Ci possiamo capire qualcosa? Dirk Helbing: la crescita esponenziale di tutto aumenta la complessità Nel corso della conferenza organizzata l'altro giorno dall'Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles al Bozar, con Telmo Pievani, Dirk Helbing ha fatto notare che esiste una tendenza poco sottoline...
  • 02/07/2015 Il dilemma dell’auto che si guida da sola Il dilemma di base è questo: faremo auto che si guidano da sole come diretta sostituzione delle attuali, o faremo evolvere le tecnologie di guida assistita per arrivare nel tempo alle auto che si g...
  • 23/04/2015 Libertà e sicurezza: dibattuti come opposti, ricostruiti come simbiotici La presentazione del problema, in questi tempi, è semplice: se la società vuole più sicurezza - contro il terrorismo o contro il crimine che usa la rete per svilupparsi - occorre che rinunci a ...
  • 22/12/2016 Aperto, connesso, confuso e migliorabile Il sistema delle notizie al momento è molto confuso, dice il 64% gli americani che hanno risposto al sondaggio Pew uscito qualche giorno fa. Il 24% dice che c'è un po' di confusione. Solo l'11% deg...
  • 05/12/2016 Proporzionali dentro L'equilibrio dei poteri teorizzato da Montesquieu nel Settecento e divenuto il fondamento delle costituzioni dei paesi occidentali che hanno seguito le orme degli Stati Uniti non è mai arrivato app...

2 Commenti su “Forte piano banda larga. Alla prova del futuro

  1. Articolo perfetto, che mette in risalto le ambizioni e non fa finta di non vedere le criticità.
    Ho ciccato su “testo da leggere” e sono rimasto secco: 100 pagine di pdf in stile anni 80, non hanno linciato neppure l’indice. annamobbene…:-)

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>