Arte alla frontiera della ricerca di senso dove è più difficile trovarne

Con Art Central Hong Kong cerca di diventare uno dei grandi poli nel mondo dell’arte. La città è probabilmente il luogo nel quale l’evoluzione del sistema cinese può accelerare. L’arte è una forma di ricerca non violenta che può sicuramente aiutare. Mentre un artista come Ai WeiWei simboleggia insieme la possibilità e la difficoltà di quell’evoluzione.

[hang2column width=”620″][/hang2column]

Un pezzo molto analitico e importante di Hans de Zwart (Bits of Freedom) su Medium prende spunto proprio dalla vicenda di Ai Weiwei per dire come può diventare l’esperienza umana in un contesto di sorveglianza capillare. Intanto a Genova una mostra sulla democrazia come illusione sembra adatta a vedere la questione da un punto di vista speculare.

Del resto, la sorveglianza si generalizza e banalizza con la gadgettistica che si va diffondendo. Come dimostra la Narrative, una macchinetta per riprendere tutto quello che succede a una persona tanto simile a quello che raccontava Dave Eggers in The Circle da avermi spinto a citarla nel mio prossimo libro (uscirà a febbraio).

[hang2column width=”620″][/hang2column]

Soffriamo della sorveglianza. E cerchiamo libertà. Con tecnologie analoghe che hanno effetti opposti. La fotografia e il video ci appaiono al servizio della sorveglianza e insieme formula di libertà. I poliziotti che riprendono ogni attimo di un loro contatto con persone che devono interrogare creano condizioni di migliore legalità. Nassim Taleb ha raccontato una sua esperienza: “The other day, in the NY subway corridor in front of the list of exits, I hesitated for a few seconds trying to get my bearings… A well dressed man started heaping insults at me ‘for stopping’. Instead of hitting him as I would have done in 1921, I pulled my cell and took his picture while calmly calling him a ‘Mean idiot abusive to lost persons’. He freaked out and ran away from me, hiding his face in his hands.”

La ricerca sulla fotografia e l’arte sta concentrandosi sulla ridefinizione del ruolo di questa tecnica meravigliosa. Lo mostrano le riflessioni di Ekaterina Degot, scrittrice e curatrice, direttrice dell’Academy of Arts of the World, Colonia, professoressa alla Rodchenko Moscow School of Photography. Photographers versus Contemporary Artists: Whose Crisis Is Deeper? E poi: Photography versus Contemporary Art: What’s Next? Si può sperare che l’esperienza artistica ci porti un po’ più avanti in questa bizzarra epoca nella quale ci lasciamo sorvegliare, ne soffriamo e ne godiamo, abbandonando la ragione e recuperandola a giorni alterni. Chissà se i commentatori vorranno segnalare altre letture.

1 Commento su “Arte alla frontiera della ricerca di senso dove è più difficile trovarne

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *