Salute, bugie, propaganda e qualità dell’informazione

Salvo Di Grazia scrive Medbunker, blog di informazione sulla salute. Il suo libro “Salute e bugie” esce in tempo per cogliere ancora nell’aria la vicenda Stamina. Il libro è una miniera di casi, inchieste e fatti.

libro-digrazia

La qualità dell’informazione sulla salute e la medicina è un valore di primaria importanza, ovviamente. Ma in un paese predisposto a credere ai “maghi” e nel quale per trent’anni ha affidato alla chiacchiera televisiva più che all’approfondimento scientifico la generazione di opinioni, si è creato un ottimo terreno di coltura per il business di vari ciarlatani che propongono le cure inutili o fasulle alle quali allude il sottotitolo di Di Grazia.

Se tutto è opinione e ogni pensiero viene valutato nella chiave dell’interesse o del fazionismo, anche le notizie critiche sulle cure più o meno estemporanee che vengono fuori appaiono semplicemente delle opinioni come le altre, anche se provengono da scienziati di valore mondiale. Se chi fa informazione non studia e non si fa un’idea propria, metodologicamente trasparente e indipendente, ma si limita a “sentire tutte le campane”, il pubblico tende a pensare che qualunque opinione in fondo valga quanto un’altra, oppure si schiera col suo “partito”. Se poi chi manipola l’informazione riesce a far credere che un’opinione è quella che è sostenuta dalla “pancia del popolo” i media “popolari” non si azzardano a contrastarla.

Temi ben noti in politica. E che però quando arrivano alla medicina diventano inaccettabili. Del resto, contaminando tutto di interesse e fazionismo, si finisce col generare depressione e sconcerto in qualuque materia. Il metodo con il quale si genera l’informazione è più importante dello schieramento al quale l’informazione fa piacere.

  • 03/03/2012 L’equilibrio del copyright Il diritto d'autore è un monopolio concesso in deroga alla libera concorrenza per valorizzare il lavoro di chi crea nuova conoscenza e ha assunto le forme oggi note per motivi legati a un modello d...
  • 29/11/2016 Alberto Puliafito sul giornalismo Alberto Puliafito ha scritto un libro utile sul giornalismo nel contesto digitale. Veleggia su tutti i problemi con equilibrio, non si lascia andare a facili entusiasmi o a crisi depressive, descri...
  • 17/04/2017 Letture. Come cambia l’organizzazione, come impara una macchina, come si consumano algoritmi. Readings Trasformazione organizzativa Le aziende si stanno trasformando, o direttamente giocando con il digitale e la globalizzazione oppure indirettamente come conseguenza - in un modo o nell'altro - de...
  • 18/12/2011 Scrittori – Midnight in Paris Uno scrittore deve essere sincero con se stesso.Non importa tanto di che cosa scriva. Importa che la storia sia bella. Ed è bella se viene dalla vita vera e se i personaggi «mostrano coraggio e gr...
  • 06/02/2011 Libri per passione – Cervello, felicità, domani Alva Noë. Sulla scorta delle nuove opportunità tecnologiche che consentono di leggere l'attività cerebrale come mai in precedenza si era sognato di poter fare, la teoria della coscienza è stat...
  • 10/07/2011 Le piazze del sapere – Il deserto culturale e l’economia cognitiva «Il deserto culturale è, nel lungo periodo, fatale per il sistema-paese».Antonella Agnoli, progettista di spazi pubblici per la cultura: Le piazze del sapere. Biblioteche e libertà, Laterza 2009.«N...

4 Commenti su “Salute, bugie, propaganda e qualità dell’informazione

  1. The problem with health information is much simpler: interested money affecting research through funding, news through advertising and doctors with trip to exotic conferences and other sleazy perks.

Add Comment Register



Rispondi a Rufo guerreschi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *