Israele. Diplomazia via Twitter

Certe volte si leggono delle notizie che non si sanno valutare. È importante o no che il ministro degli Esteri israeliano abbia aperto un canale diplomatico con i paesi del Golfo utilizzando Twitter? La notizia è su TechPresident. Sulle prime stupisce. Poi ci si domanda che conseguenze reali possa avere. Si spera, magari, che ne abbia, perché ogni mezzo è importante se favorice la pace. Si cerca di valutare quanto impatto, dal punto di vista quantitativo, abbia il canale aperto (attualmente meno di mille follower, ma crescono). E si cerca di comprendere se qualitativamente aggiunge opportunità allo scambio di idee costruttive. Alla fine, la conclusione è che le opportunità possono essere colte da chi le sappia cogliere. Ma chi le apre, in fondo, ha un merito.

Articoli Correlati

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>