Sliding doors. In che palazzo è entrata l’Italia?

Il governatore del Veneto riprende il tema dell’integrazione, collegandolo a un crimine commesso da una persona immigrata. E tira fuori una strana richiesta al ministro dell’integrazione Kyenge.

Intanto, la presidente della Camera riprende le polemiche sul web collegando le minacce che ha subito non tanto alle persone che le hanno lanciate ma al mezzo che le ha trasmesse. Per ora, d’altra parte, non ci sono segnali di interesse specifico del nuovo governo per lo sviluppo economico che la rete può generare. (Repubblica, Ciccone, Gilioli, Longo).

Dopo le elezioni, l’Italia ha creduto essere entrata in un nuovo contesto storico attraverso una porta girevole: che poteva condurla in un posto pieno di gente che voleva riformare il paese pensando al futuro, oppure in un posto dove si voleva restaurare il passato. Invece ha trovato un posto pieno di polemiche stantie: scoprendo che il contesto storico non è nuovo per niente.

Articoli Correlati

1 Commento su “Sliding doors. In che palazzo è entrata l’Italia?

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>