La dieta mediatica

Ha davvero ragione Luca Conti a lavorare con attenzione alla sua dieta mediatica.

Imbottiti di messaggi, dalla mail ai social network, dai giornali ai libri, da Whatsapp a Instagram, da YouTube a TED e, nonostante tutto, ancora alla televisione, gli occidentali rischiano di fare indigestione.

Nella molteplicità delle durate del tempo sociale, il primo rischio è di stare sempre sul brevissimo termine e l’effimero ma curiosamente interessante. Ciò che riguarda i frame interpretativi rischia di passare sottotraccia. Per non parlare di ciò che riguarda la lunga durata. Eppure, una sana dieta mediatica ha bisogno di un’equilibrato apporto di fatterelli, congiunture e strutture. Altrimenti…

Altrimenti, la persona non è libera. Non è consapevole dei frame, non si accorge dell’origine delle agende, non riflette su ciò che è importante perché è strutturale. E’ determinato dalla logica mediatica più che essere partecipe alla generazione di senso.

Equilibrare le componenti mediatiche – leggere libri e non solo messaggi, per esempio – è importante come non mangiare soltanto fast food.

Ma al fondo, la ricetta è quella che dichiarava Steve Jobs: darsi l’obiettivo di non vivere una vita scritta da altri, ma di essere autori della propria vita. E dunque scegliere la dieta mediatica in base alla conoscenza che si vuole consapevolmente sviluppare per realizzare il proprio progetto.

Vedi:
Massimo Chiriatti

1 Commento su “La dieta mediatica

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *