Agende digitali: le parallele convergenti

La scelta del terreno sul quale si può costruire un’alleanza di fatto tra Pd e M5S dipende dalle cose da fare. E il movimento può imporre davvero una serie di punti di vista. Scorrendo i programmi dei partiti per l’agenda digitale messi in ordine da Between, si direbbe che uno dei temi di convergenza sia proprio questo. Non solo: è un tema che potrebbe avere successo in tempi non troppo lunghi, se è vero che gli altri partiti non si metteranno a fare battaglie di retroguardia (e soprattutto il gruppo di Monti che, grazie a Stefano Quintarelli, è particolarmente avanzato). Apparentemente tutti condividono un’ispirazione di fondo: lo sviluppo si fa puntando sull’innovazione e l’agenda digitale ne è una precondizione fondamentale.

1 Commento su “Agende digitali: le parallele convergenti

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *