November 2012
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
« Oct   Dec »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Day November 21, 2012

Epifenomeni: i politici italiani non incidono sulle decisioni che contano?

Il ministro Piero Giarda calcola che negli ultimi vent’anni, un indicatore della spesa pubblica da lui aggiustato rispetto a vari parametri (e che, scusandomene, non sono in grado di riportare con precisione), dice una cosa sorprendente: i governi di centro-sinistra hanno generato un aumento medio annuo dell’1,01% e i governi di centro-destra hanno generato un aumento medio annuo dell’1,01%. Uguale al secondo decimale!

Almeno dal punto di vista della spesa pubblica, si direbbe, qualunque impostazione ideologica abbia un governo italiano non cambia il risultato quantitativo.

Questo non significa che non ci siano differenze (approccio al fisco, alla corruzione, alla correttezza dei bilanci privati, ecc ecc), ma significa che probabilmente ci sono forze di fondo che governano il sistema indipendenti dalle differenze politiche e che formano come dei binari dai quali non si scappa. Per esempio, nei vent’anni si è consentito un aumento della spesa sanitaria pari alla diminuzione della spesa per educazione: il che significa che è stato accettato “automaticamente” quello che una società che invecchia ha chiesto ai conti dello stato senza che una qualunque leadership politica potesse influire sulle scelte, per esempio dicendo che l’educazione comunque deve avere più risorse perché è l’investimento fondamentale nel futuro del paese.

Significa probabilmente che la leadership politica conta un po’ meno di quello che pensiamo. E che la tecnocrazia dei funzionari ministeriali conta un po’ di più di quello che appare.