Lo sapevamo, ma lo hanno calcolato: Italia gerontocrazia maschile

Dall’ultimo rapporto Sintesi Eurispes-Classe dirigente:

Il potere in Italia: una gerontocrazia, per soli uomini. Gli uomini rappresentano ben l’85% della classe dirigente, a fronte di un contenuto 15% di donne. Un dato che testimonia in modo immediato ed incontrovertibile il permanere di una netta asimmetria nella distribuzione del potere fra i sessi. Le donne celebri ed in posizione di potere costituiscono ancora una minoranza in un panorama prevalentemente maschile. Sebbene il numero delle donne potenti sia raddoppiato in vent’anni (erano il 7,8% del totale nel 1992 a fronte del 92,2% degli uomini), la presenza femminile nelle posizioni di potere continua a rappresentare un’eccezione.

Allo stesso tempo, le élite al potere hanno le caratteristiche di una vera e propria gerontocrazia, che offre pochi margini al ricambio generazionale, nella quale a contare sono in 8 casi su 10 (79,5%) gli over50. Infatti il potere si concentra soprattutto nelle mani di quanti hanno un’età compresa tra i 51 e i 65 anni (40,2%) e tra quanti hanno più di 65 anni (39,3%). Solo il 17,5% dei personaggi potenti e celebri ha tra i 36 ed i 50 anni, mentre i giovani (fino a 35 anni) costituiscono uno sparuto 3%.

  • 30/07/2016 Occupazione. Il problema numero uno. I dati italiani Il governo ricorda che dall'inizio di questa amministrazione gli occupati sono aumentati di 599 mila. E attribuisce il merito al jobs act. L'aumento degli occupati è il singolo elemento più importa...
  • 30/10/2009 Mifaccioimpresa Gli aspiranti imprenditori sono in ribasso in Italia, dice la ricerca Gem di EntEr. Ed è un problema. Perché la nuova imprenditorialità è la principale modalità con la quale un'economia trasforma i...
  • 15/08/2015 TTIP e TPPA. Controversi by design I trattati TTIP e TPPA sono fatti per essere contestati. Sono pensati così. È sembra quasi che il design del processo di discussione ed eventuale approvazione sia pensato da gente che preferisce qu...
  • 30/03/2010 La vittoria del presente Nel pieno della crisi, gli italiani che hanno votato hanno votato in maggioranza per la soluzione immediata. Non per il lamento rivolto al passato, non per l'ideologia: hanno votato per chi appare ...
  • 27/08/2013 Agcom e diritto d’autore La rete è un bene comune. Ma regolamentazioni inconcludenti, azioni dei servizi segreti, appropriazioni indebite da parte di piattaforme globali, violazioni delle leggi da parte di criminali più o ...
  • 23/04/2014 NetMundial e altri appuntamenti sulla governance di internet (cui l’Italia manca attualmente) – update NetMundial è in corso. Un'idea brasiliana per un grande meeting globale sulla governance di internet. Questo è un periodo in cui c'è davvero bisogno di una riunione multistakeholder intorno al modo...

2 Commenti su “Lo sapevamo, ma lo hanno calcolato: Italia gerontocrazia maschile

  1. Fosse solo un problema di gerontocrazia.
    IIl punto è che siamo di fronte ad una cleptocrazia. Ma se fossero persone capaci, si potrebbe dire “pazienza se rubano, ma stiamo tutti bene, la gente è felice e ricca, il paese è pulito e tutto funziona”. In realtà si è instaurata una meritocrazia al contrario, i peggiori vanno avanti e più sono incompetenti più salgono di livello, non so come si definisca una cosa del genere, chiamiamola “peggiocrazia”.
    Abbiamo quindi la tempesta perfetta, una gerontocrazia (ignara delle novità e un po’ rimbambita), cleptomane e peggiocratica.
    II risultati sono sotto gli occhi di tutti…..

  2. Mostrerò questo studio a chi dice che “No, non abbiamo bisogno di mettere le quote rosa, ci possiamo regolare senza”. Come no..

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *