Il futuro dei film delle vacanze

Come si può credere a qualcosa che si trova per caso online? Forse, basta limitarsi a guardarlo. Immaginando che sia un vero viaggio in Laos, per esempio. Come pare proprio sia (consigliato da vedere a tutto schermo):

Articoli Correlati

  • 08/04/2013 ImparaDigitale Su TuttoScuola una recensione della riuscitissima manifestazione di Bergamo, organizzata venerdì scorso da ImparaDigitale (Vedi anche Studenti.it). E' dalle competenze e dalle passioni dei ...
  • 11/04/2013 L’esperienza ecologista può servire all’economia. E alla politica Ancora vaghe intuizioni. Ma perché non tentare di elaborarle, scrivendone? Ci sono voluti cinquant'anni, ma la sensibilità ecologica si è moltlo diffusa: era minoritaria, è maggioritaria. Qu...
  • 23/09/2009 Shirky, Weinberger, Zuckerman e il giornalismo affidabile David Weinberger e Ethan Zuckerman riportano un discorso di Clay Shirky sul giornalismo. Il tema è: come sopravviverà il giornalismo nella sua forma più affidabile? Sperimentazione, varietà di mode...
  • 05/03/2010 Autori come imprenditori.. Editori come creatori.. Nell'epoca di internet il business editoriale è in trasformazione. E una possibile via d'uscita è che gli autori semplicemente diventino imprenditori di sé stessi. Luke Johnson, presidente della Ro...
  • 09/03/2010 Neppure Google guadagna con le news Sentite le grandi lamentazioni degli editori, Murdoch in testa, sul fatto che Google guadagnerebbe con le notizie dei loro giornali, ci si domandava: ma è vero? E dunque pare proprio di no. Lo dice...
  • 20/08/2011 Audience driven journalism… Opportunità e rischi Nelle redazioni dei giornali online si sta facendo strada una serie di strumenti software per monitorare le reazioni del pubblico ai titoli e alle storie pubblicate. Servono a valutare il successo ...

1 Commento su “Il futuro dei film delle vacanze

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>