Il framing convenzionale sull’innovazione sociale si può correggere

Mentre Muhammad Yunus fa circolare la sua nuova idea per lo sviluppo agricolo in Bangladesh, con un’impresa sociale e partnership internazionali, Katherine Boo ed Emily Brennan parlano della ricerca giornalistica sul tema della povertà.

[hang2column width=600][/hang2column]

 

Commento. In entrambi i casi il tema è il seguente: il framing generale portato avanti dai media occidentali pone le questioni dell’innovazione sociale in una posizione defilata, del tipo “c’è anche questo e noi siamo talmente aperti da parlarne, ma quello che conta ovviamente è altrove”.

Avviene così che le idee innovative con grande importanza sociale vengono mantenute in uno stato di marginalità artificiosa di fronte ai luoghi del potere e della finanza nelle quali si svolgerebbero le grandi decisioni.

E’ un campo di distorsione della realtà che i media possono correggere. Con l’aiuto – e con la spinta competitiva – della molteplicità di punti di vista che sta emergendo nella rete. Nella speranza che un metodo comune di ricerca e trasmissione di informazioni aiuti a connettere i puntini.

Articoli Correlati

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>