Home » informazione » Il framing convenzionale sull’innovazione sociale si può correggere
informazione

Il framing convenzionale sull’innovazione sociale si può correggere

Mentre Muhammad Yunus fa circolare la sua nuova idea per lo sviluppo agricolo in Bangladesh, con un’impresa sociale e partnership internazionali, Katherine Boo ed Emily Brennan parlano della ricerca giornalistica sul tema della povertà.

[hang2column width=600][/hang2column]

 

Commento. In entrambi i casi il tema è il seguente: il framing generale portato avanti dai media occidentali pone le questioni dell’innovazione sociale in una posizione defilata, del tipo “c’è anche questo e noi siamo talmente aperti da parlarne, ma quello che conta ovviamente è altrove”.

Avviene così che le idee innovative con grande importanza sociale vengono mantenute in uno stato di marginalità artificiosa di fronte ai luoghi del potere e della finanza nelle quali si svolgerebbero le grandi decisioni.

E’ un campo di distorsione della realtà che i media possono correggere. Con l’aiuto – e con la spinta competitiva – della molteplicità di punti di vista che sta emergendo nella rete. Nella speranza che un metodo comune di ricerca e trasmissione di informazioni aiuti a connettere i puntini.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video