Home » media » Dave Winer, Branch, Medium e le trappole per contenuti
media partecipazione

Dave Winer, Branch, Medium e le trappole per contenuti

Che cosa facciamo con le informazioni che mettiamo su Facebook, Twitter e così via? Regaliamo valore a piattaforme che lo ingabbiano ai loro fini? Partecipiamo da protagonisti a un gioco di intelligenza collettiva? Siamo condotti dalle dinamiche di gruppo in una direzione che non conosciamo? Domande che non cessiamo di porci.

[hang1column]Le nuovissime piattaforme e le esplorazioni di Dave Winer[/hang1column]

Immagini alternative di un mondo che cerca ancora le sue metafore ricostruttive: fiumi di messaggi che vanno dove li porta il flusso; silos che immagazzinano e privatizzano i pensieri di chi cerca un modo facile per comunicare; connessioni imprecisate di atomi di idee dotate di metadati che qualcuno userà come vuole. Dave Winer è un pioniere dei blog, uno che vede lontano e uno che costruisce intorno alle sue visioni. Seguirlo significa dare uno sguardo nelle ipotesi che si forma un costruttore di futuri possibili nella dinamica della conoscenza. Non è facilissimo peraltro.

Winer reagisce all’uscita di Branch e Medium. E trova nel secondo servizio il motivo di accettare un compromesso con i suoi principi. Perché ci vede qualcosa di importante. Una sorta di comunità di blogger dove i tag non sono etichette che si aggiungono ai post, ma sono stimoli che invitano a scrivere un post. Forse può servire all’emergere di un’agenda civica? Winer non si pone il problema. Sta di fatto che ha l’impressione, da sviluppatore, di qualcosa di nuovo: semplice, aperto, potenzialmente diverso dalla solita piattaforma che si trasforma in una “trappola per contenuti”.

Forse è semplicemente la sua speranza. Sempre più chiaramente stiamo cercando modi per fare informazione e comunicazione online che non siano basati sull’utilizzo di piattaforme che espropriano gli autori-lettori della loro identità e del loro pensiero. Che riconfigurano l’equilibrio tra l’insieme collettivo e le persone.

E per chi vuole, ecco i link per questa discussione oltre il confine del comprensibile, perché è tutto un insieme di puntini che cercano chi li sappia unire:
New, new, new, di Dave Winer
Medium, di Evan Williams
Winer prova Medium, di Dave Winer
Branch

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video