Home » innovazione » Chi ha esperienza di Twheel?
innovazione partecipazione perplessità

Chi ha esperienza di Twheel?

La presentazione è interessante. Verrebbe voglia di provarlo, Twheel. Si tratta di una nuova interfaccia per gestire più efficientemente i tweet prodotta da Fluid Interaction: seguendo molte fonti, su Tweet si tende a perdere qualche messaggio importante, ma Twheel riorganizza i messaggi con un sistema di accesso a cerchio che ricorda vagamente il vecchio iPod prima maniera e che consente di maneggiare meglio la complessità delle informazioni sul cellulare. Si scarica la app e si comincia, se non si presta attenzione alle precisazioni legali.

Già. Perché come sempre per usare una app gratuita si devono concendere informazioni. In questo caso, la app dichiara tutto in modo molto trasparente. Spiega subito che l’applicazione registra il tempo che ciascuno impiega per leggere il contenuto di un tweet e di ciò che è linkato da quel tweet. Significa che i dati vengono immessi in un server che osserva tutto ciò che ciascuno fa. Twheel aggiunge che, naturalmente, quei dati verranno forniti a clienti, anche se promette di non fare riferimento a dati personali se non nei casi in cui lo richieda la legge. La legge cui principalmente fa riferimento Fluid è quella finlandese. Ma non sarebbe di poco conto sapere a quale legge farebbe riferimento Fluid in Iran, in Cina, in Siria, in Russia, negli Stati Uniti, e così via.

Inoltre, quando Twheel chiede di accedere all’account Twitter dichiara che si prende il diritto di leggere i messaggi diretti, di scrivere su Twitter in nome di quell’account, si aggiungere follower. A quel punto ci si domanda perché. E si gira la questione anche a chi passa su questo blog:

1. chi ha esperienza di Twheel è soddisfatto dell’interfaccia?
2. che cosa scrive Twheel scrive sugli account Twitter?
3. quali nuovi follower aggiunge?

update: ha risposto @twheelapp “There’s an option in twheel that allows following and unfollowing users. But nothing happens without user interaction”

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

  • Ciao Gianluca,
    Non conosco Twheel, ma penso che lo scopo di riuscire a seguire una determinata persona, organizzazione, azienda possa essere raggiunto anche senza questo servizio utilizzando la funzione “liste” di twitter oppure alcuni servizi come hootsuite che consentono di monitorare anche determinate parole chiavi (#) di modo che non rischiamo che ci sfuggi qualcosa di interessante.
    Effettivamente mi sembra siano eccessive le richieste e l’intrusione di Twheel.
    Spero il mio commento non risulti fuori tema.

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video