April 2012
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
« Mar   May »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Day April 1, 2012

Piattaforme italiane

L’innovazione degli italiani non manca, anche se dobbiamo parlarne meglio e di più. Forse è più orientata a realizzare nuovi prodotti e nuovi processi per produrli, risultati scientifici e tecnologie di nicchia, modernizzazione di produzioni tradizionali come alimentare, abbigliamento, arredamento, e poi naturalmente design… Con questa innovazione facciamo alto valore aggiunto con piccoli volumi. Forse però ci sentiamo deboli nell’innovazione strutturale, quella dove conta la capacità di fare rete e di organizzare piattaforme, quelle che fanno basso valore aggiunto ma alti volumi. E non mancano le ragioni per questo senso di inferiorità.

Eppure non c’è nessuna ragione per cui gli italiani non possano realizzare piattaforme in grado di conquistare successo internazionale.

Negli ultimi giorno ho incontrato Erik Lumer che ha realizzato a Milano con Giu D’Antonio e il suo team la piattaforma CircleMe. È un modo per trovarsi – con se stessi e con gli altri – intorno a interessi approfonditi, ispirandosi a libri, film e musica e altro. E c’è una feature che penso sia unica: si possono piantare ricordi documentati nei luoghi della città in modo che chi ci segue possa ritrovarli: TechCrounch, GigaOm, Mashable, TheNextWeb.

Intanto, Stefano Quintarelli sul suo blog ha annunciato la nascita di Edicola Italiana. Una piattaforma per la vendita dei giornali che servirà a tutti gli editori e consentirà al pubblico di comprare e leggere i giornali usando tutti i device. La piattaforma è fatta da un consorzio formato da Espresso, Sole 24 Ore, Mondadori, Rizzoli Corriere della Sera. La piattaforma sarà realizzata da un partner tecnologico indipendente.

Crowdfounding di start-up

Il Senato americano ha dunque approvato la nuova legge che consente alle start-up di raccogliere capitale fino a un milione di dollari attraverso siti web approvati. (AllThingsD). Un sito del genere è Crowdfounder. Il percorso legislativo non è naturalmente finito (Verge). Non è la fine del seed capital, secondo TechCrunch.

Il tempo delle nuove imprese è arrivato anche in Italia.

Se ne parla molto. Ed è ragionevole. Anche perché è la strada maestra per l’occupazione giovanile e soprattutto la ricostruzione di una prospettiva. I consigli e le proposte si moltiplicano e vanno prese in seria considerazione. L’unica cosa che non ci possiamo permettere a questo proposito è di lasciar passare il tempo senza decidere.

Vedi anche:
Stefano Parisi. Incentivare il venture capital
Catricalà. Centro idee per il paese

Distribuzione digitale

Un segno da tracciare sul calendario, molto personale. Questa settimana ho chiesto al mio giornale di smettere di comprare la mazzetta dei giornali. Forse a causa del fatto che viaggio (troppo), preferisco l’abbonamento alle versioni digitali.

Intanto, uno studio Pew segnala che la tendenza è certamente molto meno che di nicchia. (Pew)

Appuntamenti

La pagina degli appuntamenti con le conversazioni alle quali partecipo di aprile è aggiornata. E un po’ troppo fitta… Spero di essere all’altezza.