Libri – JOHN BROCKMAN, EDGE – Cultura e mente: la rete delle reti neurodigitali

More about CultureEdge è un fantastico gruppo di persone che riflettono sul futuro che stiamo costruendo. E si manifesta in un sito ricchissimo di lezioni, dibattiti e saggi che vanno a esplorare le dimensioni più affascinanti della vita intellettuale contemporanea; organizza convegni e lezioni dal vivo; sostiene i partecipanti che scrivono un libro sulla loro materia. L’anima di Edge è John Brockman. Che ora è riuscito anche a pubblicare alcuni libri che raccolgono alcuni tra i saggi più interessanti del gruppo. I primi che ho in mano sono Culture e Mind.

John Brockman lavora a New York, in un ufficio sulla piazzetta che si apre dove la 5 Avenue arriva all’angolo del Central Park. Per chi lo vada a trovare d’estate, l’esperienza è fisicamente oltre che intellettualmente sfidante. L’aria condizionata crea l’atmosfera tipica dell’interno di un frigorifero. Il silenzio è completo. “Veniamo qui per riflettere. Se dobbiamo comunicare lo facciamo via internet, anche da una stanza all’altra. Passiamo giornate senza dire nulla. Ma lo scambio di idee è incessante”. E piuttosto ricco. Brockman vive facendo l’agente letterario e molti dei suoi autori sono diventati dei veri e propri bestseller anche grazie alle sua capacità.

In questi giorni sta lavorando con i suoi più antichi colleghi, Stewart Brand in testa (fondatore dello Whole Earth Catalog e autore della celebre frase “stay hungry stay foolish” citata da Steve Jobs nel suo discorso di Stanford), sta lavorando alla grande domanda annuale che provocherà come sempre un vigoroso dibattito all’inizio del prossimo anno.

I due libri con i quali Edge che Brockman propone sono raccolte di saggi importanti sui concetti di “cultura” e “mente”.

Cultura, si apre con un saggio di Daniel Dennett che interpreta il concetto in chiave “evoluzionistica”. Prosegue con Jared Diamond che si domanda “perché certe società prendono decisioni disastrose”. Denis Dutton si occupa di una visione “darwiniana della personalità umana”. Steward Brand riproduce il suo famoso saggio nel quale sostiene che “siamo come dèi e dobbiamo imparare a essere bravi in questo compito”. Molti altri saggi. Tra questi, David Gelernter con il suo “È ora di occuparsi di internet seriamente” (2010). Dice Gelernter che internet non è un argomento tipo i cellulari e le console per videogiochi: è un argomento tipo l’educazione. E se è così importante dobbiamo cominciare a dedicarci davvero a comprenderlo. Il libro dedicato alla cultura contiene poi straordinari saggi di Jaron Lanier, Clay Shirky, Nicholas Christakis, Douglas Rushkoff, Evgeny Morozov, Brian Arthur, Richard Foreman, Frank Schirrmacher, Daniel Hillis.

Cultura e mente. Difficile scegliere temi più complessi e affascianti. Perché consentono contemporaneamente di riflettere sull’umanità e la scientificità di quello che sappiamo di noi e del modo che abbiamo per sapere qualcosa di noi.

More about The MindLa cultura e la mente appaiono nelle pagine di Edge come dimensioni
collegate da una metafora comune. La rete. La cultura emerge dalla rete
di collegamenti tra i cervelli che sono a loro volta reti di neuroni:
una rete digitale che estende le facoltà della rete cerebrale. Le
conseguenze di questa metafora sono ricchissime. E ovviamente vengono
affrontate da Edge con il piglio scientifico di chi non si innamora
delle ipotesi ma le sottopone costantemente a verifica. E quando la
verifica appare abbastanza solida le comunica con la gioia di avere
contribuito al sapere di tutti.

John Brockman è riuscito a realizzare qualcosa di rarissimo. Il suo gruppo si pone problemi filosoficamente, scientificamente, umanamente enormi, con la leggerezza di chi è consapevole che non molti altri circoli intellettuali nel mondo hanno il coraggio di porseli altrettanto chiaramente e con altrettanta competenza. Ne emerge tra l’altro un sistema generoso verso ogni tipo di pubblico: la dedizione di Brockman e dei suoi autori alimenta l’accesso a saperi e pensieri finissimi, diffusi gratuitamente online. E bisogna dire che questa generosità del gruppo di Edge è ripagata dalla generosità del pubblico verso gli autori quando pubblicano i loro libri.

(Gli altri libri citati nel corso degli anni in questo blog)

More about The Happiness ProjectIntanto sto leggendo anche:
1. The Moral Landscape, di Sam Harris
2. The Consolations of Philosophy, di Alain De Botton
3. The Happiness Project, di Gretchen Rubin

Discussioni anche su:
Facebook
Twitter
Google+
aNobii
Linkedin

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?