Analfabetismo funzionale in Italia – Functional illiteracy in Italy

English version at the bottom of the page

Al World editors forum ha fatto sensazione tra l’altro il tema dell’analfabetismo funzionale italiano, chiaramente collegato alla scarsa circolazione dei giornali.

Un punto di partenza per questo tema è la definizione offerta dall’Ocse. “A person is functionally illiterate who cannot engage in all those activities in which literacy is required for effective functioning of his group and community and also for enabling him to continue to use reading, writing and calculation for his own and the community’s development.”

Un dato registrato nello Human Development Report, dell’Onu, segnala una situazione italiana particolarmente grave: in questo rapporto, del 2009, gli italiani che hanno problemi di analfabetismo funzionale arrivano al 47% della popolazione. Si direbbe tra l’altro che la situazione generale italiana sia peggiorata tra il 2009 e il 2010. Il tema generale è enorme e non è collegato solo a povertà o disoccupazione: Bbc, Guardian, Human poverty index. Evidentemente è un problema di sistema educativo e di alternative mediatiche: in un paese che fonda molta parte della sua comunicazione sulla televisione, la sfida a migliorare le proprie capacità di lettura e scrittura è ridotta. Da notare che l’analfabetismo funzionale non è l’analfabetismo tout court: riguarda le capacità di lettura, non il fatto di avere o non avere frequentato una scuola.

At the World editors forum, It made some sensation a figure about functional illiteracy rates in Italy, a subject that is clearly linked to the small circulation of newspapers.

You can start finding information about this subject by looking at the definition of functional illiteracy that is given by the Oecd. “A person is functionally illiterate who cannot engage in all those activities in which literacy is required for effective functioning of his group and community and also for enabling him to continue to use reading, writing and calculation for his own and the community’s development.”

Figures about the matter are published in the Human Development Report, by the Un: Italians that have problems with funtional illiteracy are the 47% of the population. The subject is huge and it is not linked only to poverty or unemployment: Bbc, Guardian, Human poverty index. It seems that the general Italian situation has worsened between 2009 and 2010. It is more likely a problem linked to the educational system and to media alternatives: in a country with a lot of television, challanges to improve one’s ability to read and write are less important than elsewhere. It must be noticed that functional illiteracy is not the same thing as illiteracy tout court: it is about the actual ability to read, it is not about having or not passed some time at school.

Articoli Correlati

4 Commenti su “Analfabetismo funzionale in Italia – Functional illiteracy in Italy

  1. Questo è uno dei punti chiave del ritardo italiano. In parte anche legato all’incremento minimo dei diplomati negli ultimi 20 anni rispetto ad altri Paesi. Ad della Corea d Sud dove oggi hanno, vado a memoria, il 100% di diplomati; pur essendo partiti in una situazione peggiore della nostra qualche decennio fa (cfr rapporto ocse sull’istruzione).

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>