Equilibrio, equilibrismo e l’indipendenza dei giornali

Un articolo da leggere di Ari Melber su The Nation. Discute del trattamento riservato dai giornali alla decisione sul debito americano. E si domanda: è giusto dare a tutte le posizioni politiche lo stesso spazio e la stessa credibilità?

Un giornalismo equilibrato, si dice, deve dare spazio a tutte le opinioni politiche in gioco. Ma se le posizioni politiche esprimono valutazioni basate su fatti inesistenti, sbagliati o imprecisi, vale la stessa regola? Se fosse vero, i comunicatori politici potrebbero spostare l’equilibrio della discussione in direzioni del tutto astratte dalla realtà, semplicemente sparando le più incredibili boiate. E a quanto fare, lo fanno. Non solo in America.

Mantenere un’innocente equilibrio tra tutte le posizioni, riportando opinioni basate su invenzioni, non è indipendenza e non è accuratezza. E’ equilibrismo. Riportare tutte le posizioni, accompagnandole con una critica dei fatti addotti a prova della loro sostenibilità, non è partigianeria, ma servizio al lettore. Di sicuro, è più difficile. Molto più difficile.

Comments

One Comment so far. Leave a comment below.
  1. Sicuramente uno dei pochi post che dica le cose come stanno e senza falsi giri di parole. Ricordo un libro di Tiziano Sclavi, “Non è successo niente”, che aveva come copertina una pagina di giornale vuota. Il senso è questo: chi informa dovrebbe come minimo applicare una pre-valutazione obiettiva delle informazioni che propone, altrimenti si corre il rischio di avere articoli e notizie che non informano ma disinformano. E con questo si arriva in fondo alla pagina vuota, con su il titolo: “Non è successo niente”. Grazie per aver condiviso questi pensieri! :-)

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?