Scienza a Trieste

Tutto vagamente precario nell’informazione sulla scienza, si direbbe sentendo gli interventi al convegno Mappe di Trieste. Una precarietà di sistema, epistemologica, economica, mediatica, editoriale e professionale. E nello stesso tempo una grande diffusa passione per un tema e un insieme di mestieri che evidentemente è una cifra di questa nostra epoca. La domanda di informazione scientifica è potenzialmente molto grande: l’offerta può articolarsi e allargarsi di più, diventando nel tempo più solida. La sofferenza attuale è un’esperienza (della quale faremmo a meno) ma non è una condanna.

Comments

One Comment so far. Leave a comment below.
  1. Occorre un ripensamento serio sui paradigmi epistemologici…la divulgazione scientifica in Italia è ancora ferma alla scienza classica…
    l’introduzione di un metodo che tenga conto di complessità e quindi interdisciplinarietà urge più che mai…
    Altrimenti, continueremo a percepire la scienza come un “altro da noi”… e in un paese come il nostro, non sarebbe davvero un peccato veniale..

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?