Alain de Botton e Sviluppina

Un bel post di Sviluppina ha sottolineato recentemente la sofferenza connessa all’ideologia della meritocrazia e dell’achievement in un contesto che fatalmente non consente a tutti di raggiungere qualunque risultato. Alain de Botton ricorda come la sofferenza non consista nella difficoltà di realizzare se stessi, ma nel confronto con gli altri.

Approccio ormai molto indagato. Vedi anche Economia della felicità (appunti).

  • 08/10/2012 Se ti chiedono della leadership Se ti chiedono di contribuire con qualche idea sulla leadership, questo video è sempre un'inspirazione. [hang2column width=560][/hang2column] Prossimamente, un convegno dell'Aspen sarà orga...
  • 14/07/2011 Cristobal Vila – La bellezza dei numeri La forma della narrazione cambia. Anche in matematica. Gli strumenti digitali consentono di sperimentare con la scrittura, la grafica, l'animazione. Si sa... Ecco un esempio.Nature by Numbers - Cri...
  • 14/07/2011 Alain de Botton. La vita migliora con la filosofia «Alain de Botton fa filosofia con una differenza. La differenza è che scrive di cose cui la gente è effettivamente interessata» dice Chris Anderson a Ted.Dice de Botton. Ateismo? Se ne è parlato mo...
  • 27/05/2009 FeedStats FeedStats offre un servizio di statistiche per FriendFeed con i numeri sulla quantità di post, i like e gli utenti più connessi. Non ha, per ora, un approccio orientato alle classifiche, ma alle co...
  • 07/04/2010 Storia di domani Noi cerchiamo nelle grandi tendenze e nei piccoli indizi, le tracce del nostro futuro. Siamo ricercatori che pensano alla storia che emergerà come conseguenza di quello che facciamo oggi. Ma tra qu...
  • 15/06/2009 Il mito del mercato razionale Justin Fox scrive un bel pezzo sul mito della razionalità del mercato. E sull'irrazionalità di averlo preso in considerazione non come mito ma come realtà scientifica.(C'è anche un ironico box nel ...

1 Commento su “Alain de Botton e Sviluppina

  1. Credo fermamente che otterremo i migliori risultati solo e soltanto dopo aver lasciato da parte ogni scusa ed ogni forma di “lamento”, come ad esempio il tormentone della meritocrazia.
    Infatti, almeno in Italia, non facciamo che addossare scuse alla mancanza dei risultati. In ogni campo non abbiamo altro da dire che: “non esiste meritocrazia…” è un errore e un auto limitarsi.
    Lavorare e pensare, in entrambi i versi.
    No Excuses
    http://oneenergydream.blogspot.com/

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *