Pensare è prevedere

Come funziona il cervello? Non come un computer. La corteccia in realtà memorizza situazioni, piccole storie, sequenze di fatti, modelli, e continua a confrontare quello che ha memorizzato con quello che avviene nel contesto, per fare continuamente delle previsioni su quello che sta per accadere e aggiustare continuamente il comportamento in base alla verifica di quelle previsioni: questo è il modo in cui interpreta ciò che accade. Nel ha parlato Jeff Hawkins a Ted. (Pubblicazioni Redwood Center).

Articoli Correlati

  • 25/07/2009 La parola delle azioni Mauro Magatti. «La crescente disponibilità di discorsi e l'espansione degli spazi dell'interpretazione soggettiva rendono sempre più difficile la condivisione intersoggettiva di significati; d'altr...
  • 07/08/2014 Viviamo nelle storie. Vediamo di scrivere la nostra Importante, riflessivo intervento di Jonathan Gottschall sull'infinita domanda intorno a che cosa ci rende umani. La risposta: viviamo di storie, immersi nelle storie. Ricordi che rivediamo nel tea...
  • 25/07/2009 Il potere delle storie Joseph S. Nye, il teorico del softpower, dice nel suo intervento sull'ultimo Foreign Affairs: «In today's information age, success is the result not merely of whose army wins but also of whose stor...
  • 03/08/2009 Alain de Botton e Sviluppina Un bel post di Sviluppina ha sottolineato recentemente la sofferenza connessa all'ideologia della meritocrazia e dell'achievement in un contesto che fatalmente non consente a tutti di raggiungere q...
  • 24/01/2017 Patetico mondo Uber Ci sono storie che restano nella memoria con un nodo alla gola. I minatori inglesi e il loro medico. Il vecchio schiavo eroico in quello stato del Sud. La ragazza che raccoglie il riso nella Bassa....
  • 17/04/2009 Le conseguenze di Oppenheimer Robert Oppenheimer, il direttore del progetto che a Los Alamos realizzò la bomba atomica, annotò nel suo diario: «Quando vedi qualcosa che tecnicamente è allettante, ti butti e lo fai; sulle conseg...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>